Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Attualità

Torneranno i velox nascosti?

di Riccardo Matesic il 25/01/2016 in Attualità

Una recente sentenza del Tribunale di Caltanissetta ha confermato un verbale elevato con una postazione mobile non visibile, sostenendo che è sufficiente la visibilità dei cartelli che avvisano del possibile controllo. Seguiranno sentenze analoghe?

Le multe elevate per mezzo di una postazione velox nascosta sono legittime, a patto che sia ben visibile il segnale che avvisa della presenza del controllo.
Torneranno i velox nascosti?
Attenzione: non parliamo di quei segnali mobili che alcune Polizie locali sistemano pochi metri prima della vettura nella quale è alloggiato il velox. Ci riferiamo piuttosto ai cartelli generici che avvisano della possibilità di controlli sulla velocità. Quelli di cui le nostre strade sono disseminate in abbondanza.Lo ha stabilito con una sentenza del 25 novembre scorso il giudice Andrea Gilotta, del Tribunale di Caltanissetta. Un pronunciamento che, come sempre, non muta la legge, ma fornisce un'interpretazione che potrebbe essere ripresa in altri giudizi.

In pratica, secondo il giudice, il principio della legge per il quale la postazione deve essere ben visibile, può applicarsi più semplicemente alla visibilità della segnalazione che preavvisa del controllo di velocità.
I commenti a margine della sentenza fanno notare come il giudice siciliano non abbia considerato rilevante la distanza minima fra il cartello di segnalazione e la postazione. La legge si limita infatti a parlare di “Adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene effettuato il rilevamento della velocità, e in modo da garantirne il tempestivo avvistamento, in relazione alla velocità locale predominante”. Mentre una successiva circolare del Ministero degli Interni (che non fa giurisprudenza) aveva fissato tale valore in minimo 400 metri.

E non si parla nella sentenza neanche del fatto che l'auto che ospita il velox deve avere le insegne d'istituto o, in caso di auto civetta, essere riconoscibile per il lampeggiante blu acceso sul tetto o per un cartello che ne indica il corpo di appartenenza.
Non è dato sapere, al momento in cui scriviamo, se l'automobilista multato abbia proposto un ulteriore ricorso o se, a questo punto, si sia rassegnato a pagare.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • l'ultimo
    A lodom - Condivido pienamente quanto hai espresso, ma completerei affermando che ci sono, ancora, piu' buche che cartelli di avviso.......OK?
  • lodom
    IN UN PAESE - come l'Italia dove ci sono piu' cartelli di controllo velocita' che metri di asfalto con limiti ridicoli e strisce continue per centinaia di chilometri che cosa ci possiamo ancora aspettare? Forse che ci elevino contravvenzione perche' sognavamo di andare a 100 all'ora?
  • mostronovecento
    Chi siete? Dove andate? A quanto andate? - .....Un fiorino!!!!! Essendo l'Italia ancora al Medioevo, per certe cose, di cosa ci stupiamo? Cambia solo la valuta: il singolo fiorino, con la svalutazione si e' trasformato in un sacco di euro...
  • davefer
    si ma adesso - mano ai limiti assurdi imposti per far cassa. Di per se' la modifica e' ragionevole e rende i controlli di velocita' una cosa seria e non una barzelletta all'italiana...