Cerca

Seguici con

Attualità

Quando è impossibile andare più piano...

di Riccardo Matesic il 08/05/2013 in Attualità

... come ad esempio in provincia di Arezzo dove il Coordinamento Italiano Motociclisti denuncia i limiti assurdi imposti sulla statale 310 Bidentina

Quando è impossibile andare più piano...
Limitazioni impossibili da rispettare, anche per il più tranquillo mototurista. Le ha imposte la Provincia di Arezzo sulla SS 310 Bidentina, la strada che dal Passo della Calla scende verso Stia, in Toscana. Un bellissimo percorso di montagna, dove probabilmente si sono voluti punire i comportamenti dei piloti della domenica, con un'azione tanto anacronistica quanto facilmente contestabile. I cartelli che riportano il limite sono infatti privi della necessaria dicitura con il numero dell'ordinanza.
Vi riportiamo il testo della lettera aperta inviata dal CIM, rimandandovi al loro sito (cim-fema.it) per maggiori informazioni.
"Con la presente siamo a trasmettervi un breve 'dossier' che abbiamo dedicato ai 16 chilometri del versante toscano della strada statale n. 310 'Bidentina'.
Lo abbiamo intitolato 'Non ci indurre in infrazione!' perché, percorrendolo, abbiamo trovato limiti e prescrizioni difficili da comprendere e da rispettare. Sedici chilometri nei quali la linea di mezzeria è sempre una linea continua, a parte un unico breve tratto dove però il limite è posto a 40 all'ora (ma se c'è la nebbia si può accelerare fino ai 50), significano che ogni normale utente della strada ha di fronte due possibilità: continuo controllo del tachigrafo, monotonia del percorso che crea rischi di assopimento, e un po' di pericolo (perché qualcuno che sorpassa indispettito da cotanta lentezza ce lo si troverà sempre alle spalle), oppure rischiare di infrangere ogni tanto quelle regole, per sorpassare magari appunto un'auto lentissima, per poi magari ritrovarsi ingiustamente perseguito da delle Forze dell'Ordine che dovrebbero perseguire ben altri comportamenti.
Quella minoranza abituata a correre anche sulle strade, abituata purtroppo a non rispettare le regole del Codice della Strada, riteniamo che continuerà a farlo, ma nel caso venga sanzionato potrà, come tutti gli altri, unirsi al coro per le lamentele su limiti e prescrizioni assurdi, trovando così anche una giustificazione. Normalmente le scelte dei limiti di velocità e relative segnaletiche sono fatte per dare una adeguata sicurezza nella circolazione, ma quello che abbiamo riscontrato in questa strada è difficilmente motivabile in questo senso. Il fatto che questi limiti siano poi stati la base per la contestazione di numerose infrazioni, che arrivavano al ritiro di patenti e di carte di circolazione, crea non poche perplessità, riportate anche dalla stampa.
Con la presente, quindi, il Coordinamento Italiano Motociclisti, associazione di rappresentanza e di tutela dei 'Cittadini in moto', richiede formalmente alla Provincia di Arezzo di rivalutare le scelte e i limiti imposti su questo tratto di strada, anche per evitare il ripetersi di situazioni in cui diventa molto facile fare controlli che creano un elevato numero di contravvenzioni, che a loro volta hanno creato molti ricorsi, frequentemente accolti dalla magistratura. Il tutto creando solo disagio ai cittadini e un aggravio dei costi pubblici di gestione.
Lasciare limiti e prescrizioni meno punitivi e effettuare controlli mirati per multare quella minoranza che abitualmente scambia le strade statali per piste private, sarebbe stata la soluzione auspicabile, tra l'altro apprezzata dalla vasta comunità dei motociclisti rispettosi del C.d.S. che non apprezzano i comportamenti di alcune persone, che mettono a repentaglio la sicurezza di circolazione discreditano tutta la categoria.

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • pirofco
    Contestare e' obbligatorio - Se i cartelli sono privi dell'identificazione dell'ordinanza sono illegittimi, e quindi facilmente contestabili. Meglio se con una class action di una pluralita' di utenti. Oltretutto, il Codice della Strada impone agli Enti proprietari o gestori della strada di far osservare limiti di velocita' consoni al tracciato, al traffico, alle variazioni altimetriche, al fondo stradale.
  • OSCAR-MUNA
    Lamentarsi non e' mai servito! - Dire :" i limiti servono per proteggere gli utenti delle strade" fa sempre molto effetto (e molte volte anche cassa) da parte di prefetti, sindaci, forze dell'ordine, ecc. Secondo me come soluzione ci vorrebbe un boicottaggio dei consumi di tutti quegli esercizi posti nei luoghi "incriminati". Il SOLDO comanda sempre e non saremmo piu' gli unici a lamentarci, l'unione fa la forza.
  • tambo0512
    Una vergogna!!! - Percorro molte volte l'anno quella strada...forse una delle piu' belle dell'appennino toscano! Non sono sicuramente uno di quei motociclisti che scambiano la strada per una pista, ma tali limiti spesso vengono infranti anche dai camper!!! Per non parlare dei posti di blocco della forestale dove i motociclisti fermati vengono trattati come delinquenti, tenuti fermi anche piu' di un'ora!!!
  • taffy0402
    Hanno fatto bene - Il C.I.M. ha fatto benissimo a denunciare gli assurdi limiti dell'esempio illustrato. Fossero gli unici! I limiti assurdi imperversano sulla rete nazionale. Sulle autostrade Liguri sono frequentissimi tratti, anche considerevolmente lunghi, con limiti di 80/90 km/h che non sono correlati a cause temporanee, ma fissi. Autostrada (a pagamento) - 80 all'ora: non c'e' una contraddizione di termini?
  • gattostanco
    Solo da noi un simile scarica-barile :-( - Solo in Italia troviamo simili esempi di scarica-barile a cura degli enti proprietari della strada (che imponendo simili assurdita' si pongono al riparo da qualsiasi responsabilita'). La settimana scorsa sono stato a zonzo in Austria, al Grossglockner: la Polizei e' molto severa, ma se c'e' un limiti ne comprendi il motivo, in caso contrario c'e' quello 'generale' di 100 all'ora. Lamps