Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Veneto

Un weekend sui Colli Berici

di Tiziana Crimella, foto Roberto Mele il 23/06/2010 in Veneto

Per un rilassante fine settimana ecco un breve itinerario alla scoperta dei capolavori palladiani. Partenza da Vicenza per salire sulle colline tra affascinanti ville e gustosi ristoranti  

Un weekend sui Colli Berici
Chiudi
Una città nel segno del Palladio. È così che si presenta Vicenza, il cui centro gravita attorno ai palazzi del celebre architetto che in città si formò e visse.
Una città elegante, con logge e colonne, porticati e statue, molte statue. Una città che si visita proprio seguendo un ben identificato itinerario palladiano, che si snoda nel sontuoso centro storico e che culmina al Teatro Olimpico, ultimato dopo la morte dell'architetto e considerato uno dei suoi più grandi capolavori.
Una città che l'Unesco ha dichiarato Patrimonio dell'Umanità insieme alle Ville Palladiane sparse per tutta la provincia.
Sono proprio le Ville a costituire un filo conduttore per la nostra breve gita sui Colli Berici. Il Monte Berico, per primo, si incontra appena fuori Vicenza, per incontrare la mole del Santuario di Monte Berico, una monumentale costruzione che incorpora una chiesa gotica e una seicentesca.
Un weekend sui Colli Berici
Poi si prosegue lungo quella che viene identificata come la dorsale dei Colli Berici: inizia così un'incredibile saliscendi attraverso moderati rilievi che risaltano nettamente sulla pianura alluvionale.
Dolci colline carsiche che raggiungono la quota massima di 445 metri con il Monte Lungo, nei pressi di San Giovanni in Monte; eppure è piacevole scorrervi, guardare da sopra in giù piccoli gruppi di case nelle vallette, spesso aggrappate alle mura di una imponente villa. Sullo sfondo, anche il cielo più lattiginoso scopre l'inconfondibile profilo delle Dolomiti Bellunesi.
E se sulla carta stradale, la dorsale sembra svolgersi per poco più di 25 chilometri appena, alla fine del giro sui Colli di chilometri se ne possono accumulare ben più di 100: è difficile mantenere fede a un itinerario, mentre è molto più affascinante seguire un cartello, un'insegna o la propria curiosità che spinge a vedere dove si perdono quei tornanti ripidissimi, piuttosto che sin dove si spinge una stradina sterrata.
Così, cercando la salita verso i resti della Rocca dei Vescovi a Brendola, ci troviamo nella suggestiva piazza della Chiesa di San Michele Arcangelo, con la vivace facciata. Poi, le Ville ci raccontano tutta la storia e la vita del Palladio: Villa Pisani Ferri, a Lonigo, fu edificata da Vincenzo Scamozzi, allievo del Palladio, all'inizio della sua carriera, ma esprime tutta la grande capacità creativa del giovane architetto. In perfetto stato di conservazione, la villa ospita mostre e ha una enorme cucina ancora funzionante, nel seminterrato.
Una stradina che taglia i Colli, porta dritto a Villa del Ferro, dove incontriamo la cinquecentesca Villa Priuli, edificata in contemporanea con il Teatro Olimpico che Palladio progettò per Vicenza. E, ancora lungo una traiettoria sinuosa, ci imbattiamo nel lungo muro di cinta di Villa Fracanzan Piovene, dimora del 1700 di architettura barocca: al di sopra del muro, scorgiamo, nel vasto prato antistante la barchessa, decine di trattori d'epoca ben allineati.
Pensiamo: se fuori è così, chissà dentro. Qui ci accoglie un loquace custode che ci porta a visitare gli interni, arredati e attrezzati come se la casa non fosse mai stata disabitata: la sala da pranzo, con decine di piatti a riempire l'enorme parete; le camere con i lini e gli oggetti per la toilette. Per ultima, l'enorme, famosa cucina. Il loquace custode sa che tutti arrivano lì più o meno con la stessa impazienza di entrare in uno degli ambienti più fotografati – la cucina è stata anche set cinematografico - e ce lo riserva per ultimo, così l'aspettativa cresce.
E non rimane disattesa: pentole, rami e arnesi ben conservati riempiono ogni mensola, ogni spazio di parete sopra la madia; il grande acquaio in marmo è praticamente un monumento, come l'enorme camino che ha annerito di fumo le volte, fissando per sempre i profumi di un tempo.
Un weekend sui Colli Berici
Ma quante vie dedicate al culto del cibo: Tra Strada del Baccalà alla Vicentina, Strada dell'Olio Extravergine di Oliva e Strada del Vino dei Colli Berici, sembra di doversi orientare in una giungla di traiettorie. In realtà, i Colli Berici rappresentano un'area ben circoscritta e precisa, dove strade, stradine, salite e discese si incrociano e si perdono che, a volerle fare tutte, non si torna più a casa.
Belle da guidare, mai trafficate – anzi, in giro non c'è proprio nessuno – sembrano prima di tutto un buon campo scuola per quei motociclisti che vogliano perdere qualche inibizione in relativa spensieratezza, ma sono anche buone da gustare! Insomma, strade da inforcare senza una rotta precisa, ma seguendo un po' il proprio istinto e lasciandosi trasportare da qualcosa che stuzzica la curiosità.
Ripide e "curiose" quanto basta per assicurare un relativo divertimento – la nostra R1200R si sfoga quando può e trotterella quando serve – le strade, in effetti, sono piene di cose che stimolano la curiosità. Un enorme cartello turistico ci informa che stiamo scorrendo sulla neonata Strada dell'Olio Extravergine di Oliva e sbandiera uno slogan che non ci sfugge: "Mangia genuino, mangia vicentino"; se è un monito, noi ubbidiamo volentieri! L'olio dei Colli ha ottenuto la Dop lo scorso anno: un traguardo importante che ha impegnato gli olivicoltori a puntare sulla qualità e i ristoratori a promuovere il prodotto.
Un weekend sui Colli Berici
La Strada del Vino dei Colli Berici è quella che ci ispira di più. Il vino lo cerchiamo sempre e di certo non si fatica a trovarlo: non c'è regione, in Italia, che non sia generosa di etichette. Neanche a dirlo, incappiamo in una serata di lancio di un nuovo vino: non sia mai detto che ce la perdiamo!
Protagonista il Creorosso, fratello "minore" del Desmorosso, il vino ufficialmente licenziato dalla Ducati.
L'azienda che lo produce ha un aspetto moderno e l'unica costruzione che ingloba la cantina, gli uffici e i locali per le degustazioni si staglia tra i lunghi filari sulle pendici di Brendola. La visita è una imperdibile sosta, con un valore aggiunto: ci sono 15 cavalli che aspettano solo di uscire passeggiata con qualche cliente, offrendo un'altra modalità interessante di visita e di scoperta di questi luoghi.
Finalmente seduti a tavola, la sera non possiamo esimerci dall'assaggiare la ricetta locale per eccellenza: il baccalà alla vicentina. Baccalà o stoccafisso? Un dubbio che assume quasi le proporzioni di giallo gastronomico! Ma baccalà e stoccafisso sono semplicemente due modi diversi di trattare un unico pesce: il merluzzo.
Per ottenere il baccalà, il merluzzo viene privato di testa, pinne, coda e intestini e, direttamente sulla barca da pesca, viene messo in barile con abbondantissimo sale. Lo stoccafisso, invece, altro non è che il merluzzo posto a seccare, su graticci di legna, per alcuni mesi e sottoposto, anch'esso, a salatura, in funzione del clima e della temperatura del periodo di pesca. Sui Colli Berici, a tavola, di questo si discute! Ma, soprattutto, si confrontano le sottilissime differenze nel procedimento per preparare quel gustosissimo e sorprendentemente delicato piatto più famoso di tutta la provincia.
Un weekend sui Colli Berici
Arcugnano (VI)
Trattoria Nogarazza, Via Sant'Agostino 61, tel. 0444 288900; www.nogarazza.com. Cucina genuina della tradizione vicentina, con pasta fatta in casa, pane cotto nel forno e ricca carta dei vini. Da non perdere, il baccalà alla Vicentina, approvato, in questo locale, dalla Venerabile Confraternita del Baccalà. Ottima lista vini delle migliori etichette locali.

Residence Nogarazza, Via Sant'Agostino 61, tel. 0444 288900. Annesso alla trattoria, dispone di appartamenti con camera doppia e soggiorno con angolo cottura e divano letto. Il proprietario, motociclista, accoglie chi viaggia su due ruote con grande calore e dispensa preziose informazioni su come apprezzare al meglio il soggiorno sui Colli.

Antica Osteria Da Penacio, Via Soghe 62, tel. 0444 273081. Da scegliere in stagione, soprattutto per i piatti a base di tartufo. Meglio prenotare.

Grancona (VI)
Trattoria Isetta, Via Pederiva 96, tel. 0444 889521; www.trattoriaalbergoisetta.it. Eccellenti grigliate di carne, ma anche piatti a base di cacciagione, funghi, zucca e radicchio. Con camere.
Un weekend sui Colli Berici
Villa Fracanzan Piovene
La visita è un'esperienza straordinaria: le stanze arredate con oggetti d'epoca non sembrano un museo, bensì un'abitazione in uso. Il giro culmina nella famosa cucina, l'ambiente che, più di tutti, restituisce l'atmosfera del tempo persino attraverso i profumi. Visite guidate domenica e festivi o tutti i giorni per piccoli gruppi. www.villafracanzanpiovene.com.
Il vino Desmorosso
Una moto, un vino! Prodotto artigianalmente, frutto di un mix di uve Cabernet Sauvignon, Merlot e Carmenere, condivide con la casa di Borgo Panigale la filosofia, la passione e la voglia di emergere. Per vedere dove nasce: Le Pignole, a Brendola, tel. 0444 405440, www.lepignole.com; accanto alla distesa di vigneti, un maneggio a disposizione dei clienti. Al Desmorosso, ottenuto dopo 14 mesi di affinamento in barrique, si affianca il Desmorosso Bollicine, entrambi acquistabili sul sito www.desmorosso.com.
Il baccalà alla vicentina
www.baccalaallavicentina.it è il sito della Confraternita del Baccalà, con l'elenco dei ristoranti che lo propongono. La ricetta "approvata" dalla Confraternita? Eccola!
Ingredienti per 12 persone: 1 chilo di stoccafisso secco, mezzo chilo di cipolle, 1 litro di olio d'oliva extravergine, 3 o 4 acciughe, 1/2 litro di latte fresco, poca farina bianca, 50 grammi di grana grattuggiato, un ciuffo di prezzemolo tritato, sale e pepe.
Esecuzione: ammollare lo stoccafisso, già ben battuto, in acqua fredda, cambiandola ogni 4 ore per 2-3 giorni. Levare parte della pelle; aprire il pesce per il lungo, togliere la lisca e le spine, quindi tagliarlo a pezzi quadrati, possibilmente uguali. Preparare un soffritto con le cipolle affettate finemente le cipolle, le acciughe dissalate, diliscate e tagliuzzate, e il prezzemolo tritato. Infarinare i pezzi di stoccafisso, irrorarli con il soffritto, quindi disporli uno accanto all'altro, in un tegame di cotto o di alluminio, oppure in una pirofila, dopo aver versato sul fondo qualche cucchiaiata di soffritto. Ricoprire il pesce con il resto del soffritto aggiungendo anche il latte, il grana grattugiato, il sale, il pepe. Unire l'olio, fino a ricoprire tutti i pezzi, livellandoli.
Cuocere a fuoco molto dolce per circa 4 ore e mezzo, muovendo ogni tanto il recipiente in senso rotatorio, senza MAI mescolare. In termine vicentino questa fase di cottura si chiama "pipare". Solamente l'esperienza può determinare l'esatta cottura dello stoccafisso che, da esemplare ad esemplare, può differire di consistenza. Servire ben caldo con polenta a fette: il baccalà alla vicentina è ottimo anche dopo un riposo di 12-24 ore.
L'olio extravergine di oliva dei Colli Berici
La Strada dell'Olio è nata da poco, ma si trovano insegne ovunque e l'olio si può acquistare direttamente dalle aziende produttrici; da visitare l'Azienda Piovene Porto Godi, a Toara, www.piovene.com, per l'olio, ma anche per i pregiatissimi vini.
L'abbigliamento motociclistico
La provincia di Vicenza è, insieme a quella di Treviso, una sorta di fashion-valley dell'abbigliamento motociclistico, per le molte case che hanno sede in zona. Non lontano dall'itinerario, si trovano Spike e M-Tech. Spidi ha un avveniristico show room proprio a Meledo di Sarego. Invece, per comprare abbigliamento e accessori con un risparmio del 40%, l'Outlet Dainese è aperto dalle 11 alle 18 a Vicenza, in Via Dell'Economia 64, tel. 0444 224153.
Un weekend sui Colli Berici
Chiudi
Km. Località Istruzioni
0,0 Vicenza Uscire dalla città lungo viale 10 giugno e seguire per Arcugnano
7,0 Arcugnano Continuare sulla SP12 fino a Brendola
16,4 Brendola Poco dopo il paese svoltare a sinistra sulla SP109
24,0 bivio Tenere la destra sulla SP109 fino al bivio per San Germano
36,9 San Germano Proseguire seguendo le indicazioni Villa del Ferro
39,6 Villa del Ferro All'incrocio con la SP109 per proseguire diritto per Lonigo
49,3 Lonigo Fuori dal paese imboccare la SP125 in direzione Noventa
56,8 bivio Svoltare a sinistra per Orgiano, poi proseguire sulla SP9 per Sossano
64,8 bivio Svoltare a sinistra per Toara, Barbarano Vicentino
70,8 Barbarano Vicentino Svoltare a sinistra e dopo 2,5 km a destra per il Lago di Fimon
82,5 Lago di Fimon Dopo aver effettuato il periplo del lago, prendere a destra e seguire per Pianezza del Lago, Chiesa Vecchia, Villabalzana
95,5 bivio Svoltare a sinistra verso Nanto
99,5 Nanto Svoltare a sinistra in direzione Castegnero, da qui diritto per Lumignano, Volto, Costozza, Longare
107,5 Longare Imboccare la N247 in direzione Vicenza
118,0 Vicenza Fine dell'itinerario
Un weekend sui Colli Berici
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • mv augusta
    colli berici tra paesaggi cultura e cibo - nei colli berici d'estate non mancate di visitare le numerose cave di pietra bianca delle ville venete costruite dal palladio.... la piu spettacolare e' la cava "arcari" cava dismessa ed allagata a san gottardo di zovencedo,in questa cava marco paolini ha fatto la diretta tv su la7 del suo monologo "il sergente della neve" di mario rigoni stern, li vicino segnalo www.trattoriadaromano.it ciao
  • tgentilin
    sonno del posto - abito qui e con la mia vstrom ormai li conosciamo alla ceca tanti posti non sono stati nominati da vedere
  • sabbia0602
    itinerario ville palladiane - Grazie del consiglio, volevo proprio visitare quei posti; credo che andro' fra qualche settimana Giacomo
  • ercolino2009
    bella gita - Penso proprio di fare questa bella gita e di gustare un bun piatto di baccala' alla vicentina,in compagnia della nia Aprilia mana gt,chiaramente con un buon bicchiere di vino.Ciao a tutti.
  • TheTazio
    Sole prosecco baccala' e ..... Arte - Sono marchigiano ma per lavoro ho praticamente abitato in zona. Vi garantisco che sono luoghi dagli scorci bellissimi , la qualita' e la varieta' del cibo vi esaltera'. Vi ricordo che in zona ci sono le sedi delle piu' note aziende di abbigliamento motociclistico con i loro spacci aziendali . Buon viaggio
  • mauzen08
    Bella gita. - Bellissima gita non lontana da casa mia (Ferrara);la faro' sicuramente!ciao.
  • quintussinfonicus
    belle foto... - ..specialmente dell' immancabile moto collaborativa.
  • mariosar
    Bello - Complimenti per le foto.
  • wind44
    Completare il Week End. - Mi fa piacere leggere un articolo ben scritto e scorrevole sulla mia citta'. Al di la' del fatto che effettivamente per girare bene i colli Berici si fanno anche piu' di 100 km. vorrei sottolineare che, se si parte dalla citta', non si puo' assolutamente perdere Villa Capra detta "La Rotonda" e la Vicina Villa Valmarana detta "dei Nani". Cordiali saluti.