Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Sicilia

Sicilia: tra Palermo e Agrigento

Di Tiziana Crimella, foto di Roberto Mele. Adattamento web di MariaVittoria Bernasconi il 03/07/2015 in Sicilia

Da Palermo si parte per un bel giro lungo due strade tortuose, fino a raggiungere Agrigento e... ritorno. Il ritmo da tenere è blando, perché il panorama e i centri attraversati meritano un passaggio slow e diverse soste

Sicilia: tra Palermo e Agrigento
Chiudi
Partenza e arrivo Palermo
Lunghezza 293 km 
Quando partire Da maggio a novembre
Ideale per  Strade tortuose, paesaggi, spunti storici e gastronomicii
Moto adatte Tutte
Tra Palermo e Agrigento, due mete meravigliose, corrono due strade da biker che tagliano l’interno della Sicilia. Sono le statali 118 e 189, due tracciati che portano alla scoperta di paesaggi e di realtà autentiche e appartate.

Palermo partenza e arrivo del nostro tour è da visitare a piedi, lasciando la moto in hotel. La visita inizia partendo dal porto vecchio, passando dalla piazzetta della Dogana per poi spingersi al teatro Massimo. Una puntata ai vivaci mercati è d’obbligo, primo tra tutti Ballarò, dove si assaggia dell’ottimo street food.

Si torna in sella per imboccare la SS118, lasciando alle spalle il mare e il suo sentore salmastro. Man mano che si avanza i dintorni, si trasformano. Una Sicilia inaspettata e solitaria si apre alla vista, passando da Corleone e poi dal bosco della Ficuzza, riserva naturale.
Il viaggio prosegue verso Prizzi. Il paesaggio si trasforma ancora: rocce spuntano dai colli erbosi, che in primavera sono coperti di fiori colorati e non rispecchiano l’idea popolare di quest’isola arsa dal sole. I laghi punteggiano il percorso, zone ideali per un pic-nic nel verde e val la pena fermarsi a fare la spesa nei negozi di alimentari nei paesetti.

Al bivio che precede Santo Stefano di Quisquinia si gira per Castronovo di Sicilia: i dintorni cambiano ancora, diventando montagna pura, la vista si apre a 360°. Si passa Bivona e una serie di frutteti fino al tratto più spettacolare della 118, zeppo di curve e tornanti fino a Raffadali, appena sopra ad Agrigento.

Arrivati in città, ci si riposa a piedi lungo la via Atenea, gustando il tramonto. Da vedere, naturalmente, la Valle dei Templi, per poi imboccare la SS189 del rientro. La strada è più scorrevole della 118, ma alcune soste sono imperdibili come a Cefalà Diana, per i bagni termali del XII secolo. Si rientra a Palermo, chiudendo a Mondello questo emozionante giro nell’entroterra.

L'itinerario che vi abbiamo proposto è stato ripreso dal numero 111 di Dueruote, di luglio 2014, disponibile nella versione completa anche nella Digital Edition, cliccando qui!
Sicilia: tra Palermo e Agrigento
La Valle dei Templi
S. STEFANO QUISQUINA (AG)
Rocca Reina
Definire Lorenzo artista o allevatore o agricoltore sarebbe riduttivo. Indefinibile è pure la sua azienda, una sorta di luogo fuori dal mondo o un mondo a sé, dove si arriva attirati da una colonia di asinelli che vivono allo stato brado e si definisce per restare incantati da sculture sparse sulle gobbe dei colli. Contrada Rocca non è un agriturismo, ma se vi fermate ed entrate in sintonia col luogo e i suoi occupanti potrete fare merenda o restare la notte; è un museo a cielo aperto, dove la passeggiata culmina in un teatro sotto le stelle sulla cima di un monte. È una fattoria dell'arte e si può assistere alla lavorazione dei formaggi come si facevano una volta.
Info: tel. 0922 989707 

AGRIGENTO
La valle dei Templi
La visita dell'immenso sito archeologico richiede parecchio tempo. Dovendo fare i conti con una tabella di marcia rapida, meglio documentarsi prima e individuare le proprie preferenze, tra templi e santuari, basiliche e necropoli...
Bisogna andarci la mattina presto, poiché nelle ore centrali il sole picchia forte anche nelle stagioni intermedie. Il parcheggio è a pagamento (max 3 euro) e offre il servizio di custodia dei caschi. Per info e visite guidate: www.parcodeitempli.net

I LUOGHI PIZZO-FREE
Palermo e non solo
L'organizzazione AddioPizzo raggruppa ogni sorta di imprenditori, tra cui ristoranti, alberghi e B&B, gastronomie, botteghe di artigiani, librerie che si sono liberati dal pizzo e che comunque aiutano a combatterlo; AddioPizzoTravel
propone una serie di tour nei luoghi votati all'antimafia.
www.addiopizzo.org - www.addiopizzotravel.it
Sicilia: tra Palermo e Agrigento
Chiudi
Lungo le tortuose strade sicule abbiamo utilizzato una Honda NC750S DCT ABS che ci ha convinto anche nelle curve più strette: agile e facile da guidare, si è rivelata abbastanza comoda anche in coppia.
I consumi di carburante si sono rivelati molto ridotti, fattore positivo quando ci si trova in lande dove i benzinai scarseggiano.

La moto del nostro viaggio era dotata di due optional come le borse laterali da 29 litri e la piastra portapacchi, ampia e arretrata, che ha permesso il facile fissaggio di una grande borsa morbida. Il vano anteriore ha fatto il resto, regalando lo spazio equivalente a quello di una borsa da serbatoio.

Prezzo della moto "base": 7.790 euro c.i.m.
Sicilia: tra Palermo e Agrigento
Km Città Descrizione
0 Palermo Uscire dalla città verso est in direzione Misilmeri e proseguire sino all'innesto della SS118, poco prima di Bolognetta.
23 Bolognetta Percorrere tutta la statale fino ad Agrigento, superando Corleone, Prizzi, Bivona, Raffadali.
70 S. Stefano Quisquina Deviazione per Contrada Rocca: prima di entrare in paese, prendere a destra per Castronuovo, fino a Contrada Rocca (3 km circa).
112 Agrigento Uscire dalla città in direzione Aragona; si imbocca così la SS 189, da percorrere fino a Palermo.
293 Palermo Fine dell'itinerario

 




Sicilia: tra Palermo e Agrigento
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Mari0305
    Ciao Lab66.. - l'itinerario completo disponibile nella Digital Edition riporta anche questi dettagli. Le strade, al momento del nostro viaggio, presentavano tratti con rattoppi e vistose crepe dell'asfalto, mentre in altri si puo' contare di un bel manto liscio, anche se consunto dal tempo. Occorre tenere un'andatura adeguata alle condizioni. Buon viaggio!
  • lab66
    ma le strade?.. - come sono a livello di asfalto? liscie e piene di avvallamenti? come la maggior parte delle strade siciliane?