Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Piemonte

Le Langhe, in Piemonte

di Stefano Bianchi il 17/10/2001 in Piemonte

178 chilometri nel paradiso dei motociclisti su strade che salgono e scendono per le colline con i vigneti a perdita d'occhio. Alla scoperta della gastronomia a base di tartufi, funghi e vini pregiati come il barolo

Le Langhe, in Piemonte
Chiudi







Come sarà il paradiso dei motociclisti? Di certo con strade bellissime e panorami stupendi, chi lo sa? Le Langhe credo siano un buon anticipo, le strade ben asfaltate salgono e scendono per le colline con belle curve sempre diverse, il panorama spazia su vigneti a perdita d'occhio, ci sono castelli e in fondo le Alpi con il Monviso. E poi una gastronomia fantastica a base di tartufi, funghi, paste fatte in casa, conigli e anitre, e naturalmente i vini delle Langhe, il nebbiolo, il dolcetto e il barolo.





L'asfalto è buono, in alcuni punti ottimo, raramente dissestato e solo sulle strade secondarie. Il nostro itinerario si snoda per 178 km tra la Bassa e l'Alta Langa, con partenza e arrivo ad Alba. Ci si avvicina alle Langhe per l'autostrada A21 che collega Piacenza con Torino; si esce ad Asti e si raggiunge Alba per una veloce superstrada. La cittadina conserva un bel nucleo storico, con antichi edifici muniti di tante torri.




Da non tralasciare la visita alle enoteche dove sono presenti i tre vini caratteristici delle Langhe: il Dolcetto d'Alba, il Nebbiolo e il Barolo.
Altra specialità delle Langhe sono il tartufo e la nocciola "Tonda Gentile delle Langhe", usata per la produzione dolciaria tra cui la famosa Nutella che viene prodotta dalla Ferrero di Alba.






Si lascia Alba seguendo le indicazioni per Roddi; qui la strada corre veloce costeggiando le colline, sulla destra si apre la ricca pianura del Roero che fa capo a Bra e a Cherasco. Poco prima di Pollenzo si prende a sinistra in direzione La Morra e si comincia a salire per una bella strada a curve che offre ampi panorami sulla pianura e le Alpi sullo sfondo. Superata La Morra si passa il crinale della collina e appare improvvisa la conca dei vigneti della zona del Barolo, sono colline interamente coperte da vigneti, punteggiati di borghi, di casolari e di castelli, mentre sullo sfondo appaiono le quinte delle colline dell’Alta Langa: è uno splendido panorama di un territorio lavorato con passione e competenza dall’uomo per secoli. Si scende a Barolo e si prosegue in direzione d’Alba correndo nel fondovalle; dopo pochi chilometri si imbocca a destra la strada in direzione Monforte e di nuovo si sale impegnandosi con la guida su divertenti curve, si prosegue verso Roddino percorrendo un ampio crinale coltivato a grano sino a giungere in località Pedaggera dove si prende a destra la cosiddetta “panoramica delle Langhe” che corre da Alba a Murazzano. Noi la seguiamo sino a Bossolasco per poi raggiungere Dogliani, un bel borgo medievale al quale si accede per due porte dell’antica cinta.




Sempre su una bella strada passiamo Belvedere Langhe (siamo a 692 m, bel panorama) e giungiamo a Murazzano, proseguendo in direzione Savona. Dopo circa sette chilometri prendiamo a sinistra, varcando il torrente Belbo, per Mombarcaro e seguiamo una strada secondaria che corre proprio in cresta alla collina tra Bormida e Belbo: qui siamo nella zona di coltivazione delle nocciole con cui si preparano le specialità della Ferrero di Alba. A Cravanzana si prende a destra e si scende in valle Bormida, ampia, verde e ricca d’acqua, qui non ci sono più vigneti ma boschi e prati. Tenendo la sinistra all’incrocio con la strada di fondovalle si giunge in breve a Cortemilia dove si trova una notevole chiesetta romanica che conserva lastre scolpite di epoca barbarica. Da Cortemilia si seguono poi le indicazioni per Alba; si segue una strada ampia che risale le pendici boscose delle colline dell’Alta Langa offrendo tratti molto divertenti da guidare. Avvicinandosi ad Alba spariscono i boschi e si aprono vasti campi di grano, in località S.Rocco si prende a sinistra per Diano d’Alba e di nuovo ci aspettano belle curve, soprattutto dopo Montelupo quando riappare la vista della conca dei vigneti che tappezzano ogni tratto delle colline.




A Diano si prende a sinistra per Grinzane Cavour dove si trova un bel castello sede dell’Enoteca Regionale; in questo castello risiedette il conte Camillo Benso di Cavour quando fu sindaco della città, dal 1832 al 1849. Si riprende quindi la strada raggiungendo in breve Alba.


Località
Istruzioni
Dist. (km)
Tempo
Alba Da Alba centro seguire per Monforte e dopo km 4 per Roddi e Bra 0,0 0.0
Bivio per La Morra Prima del ponte sul Tanaro a sinistra per Verduno, La Morra 12 15'
La Morra Proseguire sulla strada principale e tenere la sinistra per Barolo 9 12'
Barolo Direzione Alba per km 6,3 6.3 12'
Bivio per Monforte A destra per Monforte 5.2 10'
Monforte Tenere la sinistra per Roddino 8.5 15'
Bivio per Bossolasco A destra per Bossolasco 11.5 20'
Bossolasco Prima di Bossolasco a destra per Somano, Dogliani 7 10'
Dogliani Direzione Ceva, Murazzano 12.2 20'
Murazzano Direzione Savona, dopo km 7,4 a sinistra per il ponte sul Belbo 12.4 20'
Bivio sul Belbo Direzione Mombarcaro, Feisoglio, Cravanzana 7.4 11'
Cravanzana A destra per Cortemilia, giunti in valle Bormida a sinistra 23.6 30'
Cortemilia Direzione Alba 13.1 19'
S.Rocco A sinistra per Rodello, e poi per Montelupo, Diano 23.5 30'
Diano Dopo il paese, a sinistra per Grinzane 14 20'
Alba   12.3 16'
TOTALE 178 km Precedente Successiva






Alba: il centro storico con il Duomo (sec. XV), S.Domenico (sec. XII-XIII), enoteche, gastronomie con prodotti tipici (tartufo, nocciole).

Cortemilia: Chiesa della Madonna della Pieve (sec. XII)




Grinzane Cavour: castello medievale, sede di enoteca.

Strade panoramiche: La Morra-Barolo, Diano-Grinzane Cavour, Monforte-Roddino






Alberghi
Barolo - Agriturismo Fenocchio, via Alba 79, tel. 0173 560016
E’ un agriturismo all’interno di una antica casa vinicola, le stanze sono arredate con mobili d’epoca, singola 70.000, doppia 100.000 con prima colazione. Il gestore si dedica alla cucina langarola proponendo ricette d’epoca, con prenotazione, minimo 12 persone.

La Morra, fraz. Annunziata - Cascina Monastero 112A, tel. 0173 509245
Arredamento d’epoca, singola 90-110.000, doppia 110-140.000.

Dogliani - Il Giardino, via Gabetti 106, tel. 0173 742005
Singola 80-120.000, doppia 110-140.000.

Cortemilia - Villa S.Carlo, C.so Divisione Alpina 41
Singola 95-105.000, doppia 150-170.000.

Barbaresco - Vecchio Tre Stelle, via rio Sordo 13, tel. 0173 638192
Singola 85-95, doppia 120-135.000.




Ristoranti
La Morra - Belvedere, piazza Castello 5, tel. 0173 50190
Risotto al barolo, tajarin (pasta fatta in casa) alle verdure, capretto al forno, torta di nocciole con zabaione (65.000).

Dogliani - Albero Fiorito, p.za Confraternita, tel. 0173 70582
Tajarin al dolcetto, terrina di verdura tartufata, carne cruda all’albese, bue brasato al barolo, bunet (tipico dolce piemontese), (65.000).

Montelupo - Cà del Lupo, via Ballerina 15, tel. 0173 617249
Tortino agli asparagi, ravioli di seirass e borragine, coniglio cotto nel forno al legna (45.000).

Grinzane - Cavour, Castello, p.za Castello 5 (nel castello di Grinzane), tel. 0173 262172
Antipasti con carne cruda battuta al coltello, peperoni con bagna cauda, brasato al barolo, lepre in civet (65.000).

Serravalle - La Coccinella, via Provinciale 5, tel. 0173 748220
Lasagnette verdi con zucca, agnello arrosto con aglio e prezzemolo, bunet e panna cotta (40.000).

Cravanzana - Del Mercato di Maurizio, via S.Rocco 16, tel. 0173 855019
Carne cruda all’albese, crespelle con fonduta, tajarin con sugo di carne, formaggi (50.000).
Le Langhe, in Piemonte
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Quercia62
    Maggio 2012 - Ci sono stato un paio di giorni nel mese di maggio, dove ho percorso gran parte dell'itinerario descritto,apprezzando l'ospitabilita', il paesaggio e la conservazione delle strade. Grazioso il borgo di Neive.
  • damy xj6
    Ferragosto - Ciao a tutti,se potete fatelo questo giro perche' e' molto bello con strade panoramiche e mozzafiato ed e' molto dievertente se si vuole osare un po' di piu'.