Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Lazio

Da Roma a Calcata

di Andrea Baffigo, foto di Martina Berloni il 03/05/2007 in Lazio

Alla scoperta della Tuscia passando per il piccolo borgo medievale incastonato nella valle del Treja e che ha ispiraro molti artisti. Gallery fotografica e road book da scaricare

Da Roma a Calcata
Clicca sulla foto per ingrandire la mappa
Per la classica gita fuori porta non serve solo una moto di grossa cilindrata. L'avventura a due ruote, almeno quella per un fine settimana, o anche per un giorno soltanto, come quella che vi proponiamo in quest'itinerario, si può vivere anche a bordo di uno scooter, lo stesso che usiamo tutti giorni per districarci tra il traffico cittadino. Ma se durante la settimana le due ruote sono più una necessità che un vero e proprio svago, l'occasione di una delle prime giornate di sole primaverile può essere il giusto pretesto per un viaggetto turistico.
I dintorni romani offrono infinite destinazioni che si possono raggiungere facilmente in giornata, luoghi tranquilli, mai affollati, ideali per compiere quel famoso "stacco" dalla vita di tutti i giorni in grado di "ricaricarci" per affrontare l'ennesima settimana di lavoro.
Si parte da Roma e precisamente da Via Flaminia, una volta imboccata si percorre in direzione di Civita Castellana, godendosi un paesaggio che piano piano si lascia alle spalle i grossi edifici della città, introducendoci nella campagna romana, fatta di distese erbose, campi coltivati e piccole case rurali.
Lo stacco dalla Capitale è quasi immediato e sorprende già dopo pochi chilometri, oltrepassata Prima Porta, si respira già una fresca aria di campagna.
Proseguiamo sulla Flaminia (SS 3), una delle antiche via consolari romane, "aperta" da Gaio Flaminio attorno al 220 a.c., da cui prende il nome. Nell'antichità rappresentava l'asse viario di fondamentale importanza per i collegamenti tra Roma e l'Italia settentrionale e in seguito verso l'Europa centro-orientale. Noi ci accontentiamo di percorrerla per pochi chilometri: oltrepassiamo il piccolo comune di Castelnuovo di Porto e subito dopo Morlupo, un paesino composto da quattro case e una stazione ferroviaria.
La strada è larga e poco trafficata con il manto stradale in buone condizioni, così, anche grazie alla facilità di guida dello scooter, ci concediamo il lusso di guardarci intorno, ammirando il paesaggio.
Ancora pochi chilometri ed arriviamo in prossimità di Rignano Flaminio; seguendo i cartelli per Calcata si imbocca una piccola deviazione sulla sinistra, con un asfalto non sempre in buone condizioni, con qualche detrito, che ci conduce a Faleria, la prima tappa di questo itinerario: uno splendido paesino della Tuscia. Anticamente denominata Etruria meridionale, la Tuscia, è una zona geografica della provincia di Viterbo che si estende a nord di Roma fra il mar Tirreno, la Toscana e l'Umbria. Ad ovest la fascia marina e le zone archeologiche di Vulci, Tuscania e Tarquinia. Al centro i Colli Cimini (con il lago di Vico), i Colli Volsini (con il lago di Bolsena) e la città di Viterbo. Il paesaggio della Tuscia, a differenza di quello toscano, appare selvaggio e indomato, ed è caratterizzato da profonde forre (forra: profonda e stretta gola di roccia fra le cui pareti scorre un corso d'acqua ndr) di roccia tufacea, contornate da una vegetazione rigogliosa e tenace.
Faleria è un paesino di circa 2.000 abitanti il cui nucleo urbano sorge in parte su un colle di tufo isolato; il centro storico di questo antico borgo, situato a metà strada tra Roma e Viterbo, fu quasi interamente distrutto nell'1942 da un terremoto che sconvolse la zona. Oggi, purtroppo, poco è stato fatto per riqualificarlo, ma vale comunque la pena visitarlo per godersi il fascino decadente di un "paese abbandonato", come è stato successivamente ribattezzato.
A pochi chilometri si erge Calcata, un luogo con un fascino molto particolare che richiama ogni anno migliaia di visitatori provenienti da tutta l'Italia, ma anche dal resto del mondo.
È un piccolo borgo medievale, gli abitanti sono circa 900, arroccato su un alta rupe tufacea dal quale si gode una splendida vista sulla riserva naturale della Valle del Treja.
L’antico borgo medievale, nella parte più caratteristica, è appoggiato su profonde forre ricoperte dalla verde macchia mediterranea. Il centro storico è molto ben conservato e presenta strette viuzze che si snodano tra piccole abitazioni e vecchie cantine, oggi restaurate ed adibite a simpatici negozi di oggetti d'arte, antiquariato e souvenir. Con un po' di attenzione è possibile riscoprire sui muri delle case le antiche finestre e i portali medievali, ormai confusi nelle successive ricostruzioni.
Oggi Calcata è una pittoresca dimora per scrittori, musicisti e scultori, artisti che hanno scelto di soggiornare tra le mura di questo paesino per godersi la serenità e la pace di questo piccolo angolo della Tuscia.
Non ci sono grosse attrattive o monumenti appariscenti, se si esclude il castello attualmente in restauro; il fascino di Calcata è da ricercarsi nei particolari, tante piccole “chicche” che rendono questo borgo un vero e proprio gioiello. Lungo le viuzze si aprono spesso suggestivi panorami sulla valle a volte preceduti da archi e da antiche scale scavate nel tufo, inoltre, incastonate tra le mura delle case ci sono piccole decorazioni, mosaici, dipinti che si notano soltanto passeggiando senza fretta tra questi vicoli stretti.
Le diverse e variegate attività culturali di questo vivace paese prendono forma nelle antiche botteghe: la "cacera", il "forno a soccio", il "forno venale", il magazzino "documenta" e il "granarone"; questi spazi accolgono spesso mostre, conferenze, concerti e altre manifestazioni a carattere artistico.
Inoltre, i nuovi abitanti di Calcata hanno anche dato vita al museo d’Arte nella Natura, inserito nella Riserva, un museo che offre al visitatore un percorso di interessantissime opere d’arte realizzate con il gusto e le tecniche dell’estetica naturalistica. Per la creazione di questo originale museo all’aperto sono stati utilizzati esclusivamente i materiali naturali offerti dal bosco creando composizioni che, inscindibili dal territorio, vivono in simbiosi con l’ambiente e le stagioni, assumendone i colori e i profumi.
Finita la visita a Calcata risaliamo in sella e percorriamo a ritroso la strada fino a Faleria e successivamente fino alla Via Flaminia, che da qui ci porta in poco tempo a Civita Castellana. Una cittadella di 16 mila abitanti famosa soprattutto per essere la culla italiana per la produzione di ceramica.
L’industria della ceramica nei suoi vari settori dei sanitari, delle piastrelle, degli accessori da bagno, delle stoviglierie e degli oggetti d’arte caratterizza la cittadina a tal punto da configurarsi come “monosettorialità produttiva” sia per l’elevata concentrazione di aziende nel comprensorio, sia per la quantità e la qualità dei prodotti.
Basta un rapida passeggiata tra le strade del centro per osservare esposte nelle vetrine dei negozi ogni genere di tazze, tazzine, piatti e prodotti tipici del luogo, ovviamente in ceramica, oggetti ideali per un souvenir o un regalino alla mamma!
Dal centro della città seguendo le indicazioni per Castel San Elia si arriva a questo piccolo centro, poche case e una splendida basilica che si affaccia, in posizione particolarmente panoramica, sulla valle Suppetonia. La costruzione risale all'VIII secolo ed è una delle più belle rappresentazioni del viterbese di stile romanico.
Da Castel S. Elia si prosegue fino a Nepi e dopo pochi chilometri si incrocia la Via Cassia, un’altra delle antiche vie consolari che con le sue due corsie a rapido scorrimento ci porterà velocemente nei pressi di Roma.
Località Istruzioni Km
Roma Lasciare la Capitale percorrendo la SS 3 0
Castelnuovo di Porto Oltrepassare il paese rimanendo su Via Flaminia 18
Rignano Flaminio Entrare in paese 37
Deviazione per Calcata
Rignano Flaminio Svoltare a sinistra in Via Moretti 38
Rignano Flaminio Svoltare a sinistra Via Fallisca 39
Uscire da Rignano Flaminio e continuare per Via Fallisca e poi Sp78 41
Faleria Entrare in paese 42
Uscire da Faleria e continuare per Via Giovanni XXIII 43
Calcata Entrare in paese 44
Dopo aver visitato Calcata si ritorna su Via Flaminia
Rignano Flaminio Immettersi su Via Flaminia 38
Continuare sulla strada statale Flaminia 39
Civita Castellana Entrare in città 53
Civita Castellana Uscire dalla cittadella prendendo Via San Salvatore e poi svoltare a destra in Via Castel S. Elia 54
Castel S. Elia Entrare in paese 61
Uscire dal paese e prendere Via Roma 72
Nepi Oltrepassare il paese
Monterosi Immettersi sulla Cassia e continuare sulla SS 2 71
Roma Grande Raccordo Anulare, fine itinerario 120
Civita Castellana

È la città della ceramica per eccellenza, con decine di aziende, botteghe e artigiani specializzati nella produzione di oggetti artistici in porcellana. Non poteva mancare, quindi, un museo dedicato a questa tradizione, con la storia, l’evoluzione e una vastissima esposizione di oggetti.
Museo della Ceramica “Casimiro Marcantoni”
Via Santi Martiri, n. 4, primo piano, 01033 Civita Castellana VT. Tel. 761590401. Orario di apertura, invernale 10-12,30 / 15-18;estivo 10-12,30 / 16-19.
Chiuso la domenica pomeriggio e il lunedì.

Parco Suburbano Valle del Treja


Per sgranchirsi le gambe dopo ore di moto, per una passeggiata romantica o per una gita immersi nel verde! I motivi possono essere diversi, ma una visita al Parco Suburbano Valle del Treja vale sicuramente la pena. Il parco segue la valle del fiume Treja ed è facilmente raggiungibile essendo compreso tra la via Cassia e via Flaminia. L'area è caratterizzata dalla presenza del fiume Treja che scorre su di un letto di roccia tufacea che si interrompe in piccole e suggestive cascatelle nella zona del Monte Gelato. Con il caldo estivo sono l’ideale per refrigerasi, essendo l’acqua freddissima! Tutta l'area è visitabile a piedi o a cavallo seguendo dei percorsi segnalati; i centri d'informazione del parco si trovano nei due comuni.

Calcata

È sicuramente piacevole in qualunque giorno dell’anno, per la sua atmosfera particolare, così gioviale e “artistica”, ma il 24 giugno c’è un motivo in più per recarsi a Calcata: la festa di San Giovanni. Una ricorrenza molto sentita che avviene nella notte per la raccolta dell’iperico, pianta che simboleggia il massimo dello splendore solare. La gente si ritrova in piazza per recarsi in massa al fiume Rio, dove ci si bagna in segno di riconciliazione totale con la natura. Il cosiddetto rito dell’acqua è officiato da una studiosa di tradizioni antiche e servirebbe ad acquisire energia dagli elementi. La festività è stata stabilita, non a caso, due giorni dopo il solstizio d’estate, quando è possibile, secondo le credenze astrologiche, osservare la natura nel suo momento più illuminante ed empatico.
Calcata (cucina tipica)
Ristorante “I tre monti” Piazza Roma, 11
Tel: 0761.587998
Ristorante “La Piazzetta” (prodotti freschi) Via S. Giovanni, 47
Tel: 0761.588078

Civita Castellana
Ristorante Mignolò (si spende poco e si mangia bene!)
Via V. Ferretti, 101
Tel. 0761.513465
www.mignolo.it

Castel Sant Elia
ristorante “Il Contado”
Via Civita Castellana Km. 1,800
Tel: 0761.555228

Dove dormire

Calcata
Agriturismo “La rosa dei venti”
Situato a soli 5 Km. da Calcata nello splendido contesto del Parco Suburbano della Valle del Treja.
Località Meterano snc
Tel: 06.9049748 - Fax: 06.9049748

Civita Castellana
Palace Hotel Relais Falisco - Dimora storica
Via Don Minzoni, 19
01033 - Civita Castellana (VT)
Tel: 0761.5498
Fax: 0761.598432

Castel S. Elia
Bed and Breakfast “Casa Francesca” 3 camere, 5 letti
Via Civita Castellana - Località Perazzito
Tel: 0761.557414
Bed and breakfast Castel S. Elia “Casa Maria” 3 camere, 6 letti
Via dei Vignali, 17
Tel: 0761.555228
Da Roma a Calcata
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • fadip2000
    Da Roma a Calcata - A Calcata ci sono stato qualche mese fa. Posto bellissimo da ritornarci e magare pernottare. Ma una cosa non mi torna..... non ricordo di aver visto il mare che si vede nella foto 3..... Lamps a tutti www.ioeamelia.blogspot.com
  • doctorduccio
    Consigliata! - Assolutamente spettacolare! Io ogni tanto parto da frosinone e Calcata e' una destinazione favolosa...
  • NinjaAndry
    personale - fz6pau...ho parenti a sant'oreste (10km dopo rignano) e ho fatto + volte la flaminia sulla ia fz6 La strada fino a rignano è bella e merita...soprattutto d'estate,buone possibilità in piega e di dar gas Da rignano a faleria molte curve,alcune delle quali cieche..prendetevi il vostro tempo e non azzardate niente...purtroppo ad un certo punto diversi fiori son presenti :( Un salutone
  • MauroGrasso
    Consiglio anche una divagazione. - Continuando sulla via falisca e superata Calcata e Mazzano dopo pochi chilometri sulla sinistra si trovano le cascate di monte Gelato, luogo molto ameno, da visitare in una bella giornata.
  • fz6pau
    Roma-Calcata, è da pieghe? - ciao sono Paolo e mi sono appena registrato, mi capita spesso di prendere la mia FZ6 e esplorare strade nuove fuori Roma, ma essendo da solo non faccio percorsi lunghi. Roma - Calcata mai fatta, ma mi piacerebbe se la strada è divertenete e piena di curve, perchè mi sa che usando la moto in centro per andare a lavoro le spalle delle ruote non si consumano e io ho bisogno piegare :-)) ciao
  • egidiol
    Un bel sabato su due ruote - Ciao, ho fatto il tragitto da Roma a Calcata. Ci ero già stato in macchina: che sofferenza. In moto è stato uno spettacolo con calma e senza fretta immerso anima e corpo nell'ambiente che mi circondava. Ciao
  • blade060415
    da roma a calcata - l'itinerario è bello davvero infatti abitando a Morlupo conosco bene la zona. sottolineo che a differenza dell'articolo Morlupo non è affatto un paesino con quattro case e una stazioncina ferroviaria.
  • luisama
    interessante - Leggendo l'articolo mi è venuta voglia di fare lo stesso itinerario, sabato prendo il mio scooter e parto. Domani prenoto alla Piazzetta, poi vi farò sapere come si mangia. Trovo sempre molto utile articoli con gite come questa alla portata di tutti
  • dieg007
    Mah - è solo la mia opinione, ma i resoconti di viaggio (quand'anche si tratti di una semplice gita fuoriporta) non dovrebbero mai essere così freddi e impersonali! Non invogliano e non creano alcuno stimolo. Mi scuso per la critica ma è ciò che penso (ribadisco, è solo la mia opinione). Saluti D