Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Lazio

La Mille Miglia: Ferrara - Roma

Testi e foto di Maria Vittoria Bernasconi il 27/05/2004 in Lazio

Prosegue il nostro viaggio sulle strade della famosa gara d'auto d'epoca. Dalla città estense si sale a San Marino e poi, per una discesa immaginaria su strade strette e arzigogolate nelle zone più verdi delle Marche, ci si immette sulla grande via Flam

La Mille Miglia: Ferrara - Roma
Chiudi

La prima tappa della Mille Miglia: Brescia-Ferrara

Sorge il sole sul secondo giorno di viaggio: questa tappa è lunga più di 600 chilometri percorsi attraverso quattro regioni italiane. Ferrara ed il suo bel Castello sono ormai alle nostre spalle. La direzione è Ravenna che si raggiunge costeggiando la piane delle Valli di Comacchio, che si stendono fino all'Adriatico sulla sinistra della statale 16.

La zona è tutta protetta come Parco del Delta del Po, popolata di numerosissime specie animali e vegetali che evocano gli originari ambienti naturali, quando tutto era palude. Si passa da Argenta dove c'è appunto, l'Ecomuseo dove scoprire la storia e l'attività del Parco.
A Ravenna si entra nel centro storico, fino a piazza del Popolo, l'angolo "veneziano" della città. Da ammirare infatti il porticato del Palazzetto e le colonne in stile "piazza San Marco" davanti al Palazzo Comunale, che sorsero intorno alla metà del 1400, sotto il dominio della potente città marinara.
Le vie storiche valgono un giro, ma il tempo non è molto, volendo arrivare in serata alla meta.


La strada costeggia la costa adriatica fino a Cervia: dopo pochi chilometri ci si immerge nella campagna romagnola, attraversando molti piccoli paesini fino a raggiungere Gambettola che si supera passando davanti al Palazzo Comunale.
Ma è la prossima meta che attrae: la Repubblica di San Marino a cui si arriva da belle strade che iniziano a movimentarsi in curve dolci e leggeri dislivelli. La campagna si colora sempre più, man mano che il nastro d'asfalto corre, fino ad arrivare alla salita tortuosa per il Borgo Maggiore ed il centro di San Marino. Per arrivare in centro basta seguire le numerose indicazioni che avvisano anche dove bisogna posteggiare. Si sale sempre più in alto, addentrandosi nelle mura che circondano tutta la parte vecchia e racchiudono i nove castelli, ognuno sede di una circoscrizione.


San Marino è davvero una cornice ideale alla Mille Miglia: sotto le sue porte merlettate sfilano le belle curve delle auto d'epoca, che abbandonano la cittadella scoppiettando in lunghe fumate azzurre. Il panorama che si gode dal monte Titano, su cui è appunto arroccata la città, spazia a 360° sulla rigogliosa pianura romagnola, sulle terre del Montefeltro e delle Marche.

La strada si svolge tra campi coltivati e ricchi boschi, in un verde intensissimo, effetto anche delle piogge abbondanti dell’ultimo mese che hanno pulito tutti i segni dell’inverno. I colori infatti sono brillanti e lucidi sotto il sole primaverile e l’asfalto scuro ed intatto si insinua nella vegetazione, allargandosi e stringendosi continuamente.
Ed è questo uno dei punti più ammalianti dal punto di vista motociclistico: superato Mercatino di Conca la strada si srotola in piacevoli curve, ampie, da pennellare senza fretta. Si sale e si scende dai Monti Avelio e Osteriaccia, dove lunghi rettilinei si piegano al volere dei dislivelli, disegnando serpenti perfetti.
Per arrivare ad Urbino si passa per Auditore, un feudo quattrocentesco sovrastato dal Castello e circondato da mura. La strada continua attraversando la campagna del Montefeltro, fino a scorgere pinnacoli e torri inconfondibili: la fisionomia del Palazzo Ducale di Urbino accoglie il viaggiatore in prossimità della città. Si entra ad Urbino, seguendo per il centro storico, che culmina in piazza Rinascimento, dove il Palazzo troneggia in tutta la sua imponenza.
Poco più avanti, ad accogliere i visitatori c’è piazza Federico, uno spiazzo geometrico tra le mura del Palazzo e la Basilica Metropolitana. Da cui si può entrare nel Palazzo Ducale, attraversando il Cortile d’Onore, circondato da un porticato a colonne sempre rinascimentale. Il Palazzo va visitato, perché oltre ad essere un monumento al Rinascimento è anche sede della Galleria Nazionale delle Marche, ovvero il museo più importante della regione, che accoglie importantissime opere di Paolo Uccello e Raffaello. In più è molto interessante la visita della “città sotterranea” ovvero una evera e propria città che sotto il piano nobile del Palazzo dove abitavano centinaia di persone, che accudivano a tutte le funzioni della reggia.
Da Urbino la direzione è sempre Sud: verso Canavaccio e la Statale 3 Flaminia.

Un passaggio d’obbligo: da Canavaccio a Calmazzo, finalmente sulla via Flaminia che qui nelle Marche attraversa una gola affascinante e selvaggia. Verso la Gola del Furlo e il relativo passo, seguendo il corso del fiume Candigliano, che taglia imponenti pareti rocciose. Anche questa è zona protetta, la Riserva Naturale statale della Gola del Furlo accoglie infatti moltissimi esemplari di piante rare e preziose, ma non solo, perché qui è facile imbattersi nel volo di un’aquila reale o di un falco pellegrino.
Attraversare la gola, costeggiando il fiume verde come la vegetazione circostante, è talmente piacevole che viene voglia di rifarlo almeno un paio di volte di seguito! Le rocce sono davvero imponenti e creano numerose nicchie dove gli animali possono nidificare e nascondersi. A Furlo, il paese subito attaccato alla gola, vivono lupi, caprioli, daini e cinghiali: viaggiando bisogna fare attenzione soprattutto ai daini, che possono decidere di attraversare la strada proprio mentre state passando in moto.


Proseguendo si incontra Acqualagna, dove non si può evitare una sosta alla ricerca di un buon tartufo. Infatti la zona è tipica per i tartufi neri ed i pregiati tartufi bianchi. Le strade tra le Marche e l’Umbria sono particolarmente adatte al mototurismo, l’asfalto è sempre in buone condizioni e l’atmosfera è calda ed accogliente. Verso Scheggia ed Osteria del Gatto fino ad arrivare a Gualdo Tadino, l’antica città umbra, dove sono famose le ceramiche “a riverbero”. Qui, oltre a godersi i numerosi monumenti come la Rocca Flea, sede del Museo Civico, si possono ammirare le belle opere ceramiche dei numerosissimi ceramisti.
Ripartendo da Gualdo la strada si inoltra nel cuore dell’Umbria, arrivando a Foligno, in piena opera di ricostruzione. A due passi c’è Assisi, deviazione spirituale e quasi d’obbligo. Da Foligno si risale verso Colfiorito e Visso, sempre seguendo l’itinerario originale della Mille Miglia, che per arrivare a Spoleto arzigogola un po’. Ma il motivo c’è: infatti seguendo questo percorso si attraversano paesi e campagne che altimenti non si vedrebbero, tagliati fuori dalla grande arteria Flaminia.
Ecco che si passa Norcia, incastonata nel panorama dei Monti Sibillini, che sono anche Parco Nazionale. La città natale di San Benedetto è completamente cinta di mura, con numerose porte d’ingresso e di uscita e la piazza principale non poteva che essere intitolata all’illustre Santo. In piazza San Benedetto si possono ammirare, oltre alla statua del Santo, il Palazzo Comunale del XIII sec. e la Basilica di San Benedetto, risalente al XIV secolo. Il paesaggio tutto intorno è estremamente scenografico, infatti il Parco dei Monti Sibillini si stende su 70.000 ettari di territorio, diviso tra le Marche e l’Umbria. E’ un parco che emana magia sia per le leggende che narrano la presenza della Sibilla in una delle grotte ai piedi dei monti, sia per l’atmosfera selvatica e naturale che si respira al suo interno.


Proseguendo si giunge a Spoleto, città colorata di mosaici e tufo. Da visitare la Casa Romana, costruita nel I sec. d.C. e la chiesa di Sant.Eufemia, sita nel recinto del Vescovato, che rappresenta una dell più significative opere dell’arte romanica in Umbria. Lasciando Spoleto ci si dirige verso Acquasparta e Sangemini Fonte, una cittadina che vanta, oltre alle terme e alla famosa fonte naturale, anche il Palazzo Canova, testimoninza del soggiorno dello scultore.
La discesa verso Roma continua, passando da Terni e da Rignano Flaminio, sempre rimanendo sulla via Flaminia, in un paesaggio che si arricchisce di centri abitati e prelude all’ingresso nella Città Eterna.
Da Rignano alla Prima Porta di Roma si percorrono circa 25 chilometri, poi la direzione da seguire diventa il centro, verso il Foro Italico e la splendida piazza del Popolo.

  - Una visita al Castello Estense, riaperto da pochissimo al pubblico dopo i recenti restauri. Il Castello si trova nella zona pedonale: si può lasciare la moto nel parcheggio Centro Storica, via Darsena 66. Per informazioni su orari e costi: castello.estense@provincia.fe.it

San Marino - Da visitare, nella Piazza della Libertà, il Palazzo Pubblico in stile neogotico su fondamenta romaniche, vigilato dalla Guardia di Rocca, istituita a metà del 700. Da maggio a settembre si può assistere ogni ora, dalle 8:30 alle 18:30, al "cambio della guardia".
Basilica di San Marino costruita su base romanica all'inizio del XIX secolo, ricca di statue e quadri pregevoli.
Per chi ama le sensazioni forti c'è infine il Museo della Tortura , esposizione inquietante di più di 100 strumenti che hanno procurato dolore e morte

Scheggia  - Grotte di Frasassi.Passando da Scheggia c’è una deviazione che attirerà tutti gli aspiranti speleologi ed i romantici: Genta, dove c’è l’ingresso per le Grotte di Frasassi. L’escursione va prenotata, la coda è lunga ma lo spettacolo vale l’attesa: gli antri illuminati di caverne e sale dalle dimensioni del Duomo di Milano sono suggestive e magiche. Si possono scegliere diversi percorsi di visita. Per informazioni 0732/90080.

Acqualagna - Capitale del Tartufo, Acqualagna offre tre manifestazioni imperdibili per gli amanti del tubero: la Fiera Nazionale del Tartufo bianco, che quest'anno e' arrivata alla sua 39ma edizione; si svolgera' nei giorni 31 ottobre 1-6-7-13-14 novembre 2004.
La Fiera Regionale del Tartufo nero, 21ma edizione il 14-15 febbraio 2004
La Fiera Regionale del Tartufo nero estivo, 20ma edizione il 14-15 agosto 2004 Per informazioni: Comune di Acqualagna tel. 0721 79671

Cagli - Palio del Giuco dell’Oca: secondo sabato e domenica di agosto. Un vero gioco dell’oca umano, dove 450 figuranti in preziosi costumi storici si dividono nei quattro quartieri e si sfidano muovendo i paggi su un percorso di 54 caselle, puntando alla vittoria.

Umbria - Panino con prosciutto crudo. Ma non un panino comune: il pane è quello senza sale, affettato fresco da una forma da un kg, con la crosta croccante e la mollica soffice, che accoglie fette spesse, tagliate col coltello, di prosciutto saporito della zona. In tutti i bar, locande, ristori sulla strada.

Roma -  Oltre alla visita dei monumenti, da non perdere una visita nel Museo del Vaticano
Una visita alla Basilica di San Pietro: nella piazza ammirare la prospettiva del colonnato, dai punti preposti. Un giro all’interno della Basilica, dopo aver superato la coda e i Metal Detector (niente lucchetti e chiavi).
Una foto con i finti gladiatori al Colosseo: in testa calzano dei caschi da non perdere, infatti sono i vecchi dgm con applicazioni varie; la più frequente è la spazzola della scopa Pippo a fare da pennacchio romano.

Ferrara

Dal centro storico seguire le indicazioni per Ravenna, via SS 16

0

0

Argenta

Proseguire sulla S.S. 16

34

28'

Ravenna

Dal centro seguire per Gambettola sulla S.S. 16

39

35'

Cervia

Superata l'uscita Cervia proseguire ancora ed uscire sulla Statale 71 bis per Cesena e seguire Gambettola

27,5

22'

Gambettola

Seguire per S.Arcangelo di Romagna e Rep di San Marino

13

10'

Repubblica di San Marino

Seguire Centro fino a P.za Libertà per poi scendere in direzione Mercatino di Conca

40

35'

Mercatino di Conca

Seguire per Auditore e prendere per Urbino

14

15'

Urbino

Dal centro seguire per Calmazzo

34

29'

Calmazzo

Girare a dx per la Gola del Furlo

15

12'

Gola del Furlo

Proseguire sulla S.S 3 per Scheggia

5

9'

Scheggia

Seguire per Osteria del Gatto

37

40'

Osteria del Gatto

Proseguire sulla S.3 fino a Foligno

17

19'

Foligno

Prendere la Statale 77 per Colfiorito

41

39'

Muccia

Deviazione a sx per Visso

42

38'

Visso

Continuare per Castelluccio

22

20'

Castelluccio

Continuare sulla Strada 396 per Norcia

21

19'

Norcia

Sulla Statale 396 poi sulla 209 per Spoleto

30

28'

Spoleto

Seguire sulla statale 209 per Terni

44

34'

Terni

Seguire per Narni e prendere la Statale 3 fino a Rignano Flaminio

48

38'

Rignano Flaminio

Continuare sulla Flaminia fino a Roma

61

49'

Roma

 

30

22'

TOTALE

 

614,5

10h 41'

 

Per questo itinerario abbiamo fatto tappa a Roma dove ci siamo avvalsi dell’ospitalità della catena Logis d’Italia, che presenta un’interessante iniziativa rivolta ai mototuristi.
Purtroppo in zona Roma non erano disponibili alberghi della catena con garage, il che ha reso inevitabile l’alloggio della moto in un garage a pagamento. L’Hotel Rimini, dove ci siamo fermati è sito dietro la Stazione Termini, quindi volendo scegliere la stessa sistemazione è d’obbligo custodire la moto in un silos: noi abbiamo scelto l’Autosilo Sara, subito dietro l’Hotel- p.za Indipendenza 14 – tel. 06/4454204 (per una notte 10 € a moto). 
L'albergo, con prezzi per camera doppia da 80 a 160 €, è situato nel centro di Roma, a mezza strada tra la stazione Centrale Roma Termini e la Città Universitaria. E' ubicato in un antico palazzo, interamente ristrutturato e dotato dei moderni conforts. Hotel Rimini – via Marghera 17 – Roma,  Tel 06/4461991.
Ovviamente a Roma sono moltissimi i ristoranti, soprattutto in centro. Abbiamo scelto qualche indirizzo che facesse solo cucina tipica romana. Spesso poi i posti “migliori” sono quelli nascosti dagli occhi dei turisti, da scovare con attente passeggiate nei vicoli.
Antica Pesa – via Garibaldi 18 – Roma – Tel 06/5809236. In zona Trastevere, per la cucina che segue ancora la tradizione.
Taverna Flaminia – via Flaminia 297 – Roma. Non ha telefono, ma l’ambiente è famigliare e la cucina semplice.

Ristoranti
Auditore
Baita 7 Nani
- Loc. Monte San Giovanni Tel. 0722362295. Ristorante, pizzeria, maneggio. Si mangia bene, piatti tipici e si può anche dormire.

Acqualagna
Antico Furlo -
Ristorante via Flaminia 66, km. 247 - Tel: 0721/700096; fax: 700117. Cucina tipica umbra con cantina fornita.

Norcia
Dei Cacciatori
: Loc. Biselli - 06046 - Norcia (PG) - Tel: (+39) 0743 822348- 822337. Cucina di terra- buon rapporto qualità/prezzo.
Dei Priori: V. Priori 5 - 06046 - Norcia (PG) - Tel: (+39) 0743 816282. Piatti tipici umbri.
Sibilla: V. Della Fontana 69 - 06046 - Norcia (PG) - Tel: (+39) 0743 821113.
Taverna Castelluccio: Loc. Castelluccio - 06046 - Norcia (PG) - Tel: (+39) 0743 - 821158
Gerardi Silvana: V. Legnano 8 - 06046 - Norcia (PG) - Tel: (+39) 0743 828408. Pizzeria

Spoleto
Il Panciolle
- Vicolo Degli Eroli 1 - 06049 - Spoleto (PG) - Tel: (+39) 0743 - 45598 - Fax: (+39) 0743 - 224289. Cucina spoletina con vini tipici.

Sulla strada, attraversando ben quattro regioni, ci si può fermare ad acquistare i prodotti tipici, che spaziano dalla gastronomia all’artigianato.
San Marino, ad esempio è rinomata per la numismatica: i collezionisti potranno visitare tutti i negozi del centro (sono moltissimi).
Ad Acqualagna sono i tartufi ad ingolosire: ogni stagione ha il suo tartufo fresco.
Tartufo Bianco: Dal 1 ottobre al 31 dicembre. Tartufi nero pregiato: dal 1 dicembre al 15 marzo.Tartufo bianchetto o "Marzuolo": dal 15 gennaio al 30 aprile. Tartufi nero estivo o "Scorzone": dal 1 maggio al 31 dicembre.
In qualsiasi stagione si passi si può trovare un tartufo degno di acquisto: i negozi sono moltissimi. Ci sono rivendite e produttori che commerciano direttamente i tartufi freschi oppure le gastronomie del centro che vendono anche i tartufi lavorati e conservati sott’olio.
Oltre ai tartufi c’è anche da segnalare il Caprino al lattice di fico, prodotto a Monte Paganuccio nel comune di Cagli. E’ un formaggio tipico che viene prodotto solo qui in zona, con un procedimento antico e laborioso.

Cagli
Famosa la lavorazione del ferro battuto e della pietra (usata per i caminetti). Non segnaliamo negozi, perché sono numerosissimi gli artigiani che hanno botteghe da cercare nell’intrico di viuzze di Cagli e dintorni. Ma anche perché in moto non è semplice caricare i prodotti in ferro e pietra...



Gualdo Tadino
Moltissime i negozi ed i grossisti di ceramiche a riverbero: ceramiche dipinte a mano con colori che variano a seconda dell’inclinazione. Sono quasi sempre decorate con blu rosso ed oro zecchino.

Sulla via Flaminia si incontrano molti spacci e botteghe, tra cui:
Frillici – via Flaminia, km. 186 Gualdo Tadino- Tel. 075/910203. Qui si possono acquistare le ceramiche fotografate sfuse o in servizio completo. Il proprietario tra un decoro e l’altro vi può raccontare di quando è passato Tazio Nuvolari, proprio quando il mantovano perse il cofano, continuando comunque la gara!

Ravenna
Yamaha -
T.G.R. Moto - V. Faentina, 126 - 48100 Ravenna - Tel: 0544/462353
Honda - R. & D. Moto Srl - Via Faentina, 218/K 48100 Ravenna - Tel. 0544/501911 BMW - Dream Car srl - via Faentina, 140 Ravenna - Tel. 0544/462330
Ducati - Moto Europa - Via Concordia, 7 Lugo 48022 (Ravenna) Tel: +39 0545 27411
Suzuki - Trioschi Primo - Via Mentana, 33 - Lugo (Ra) - Tel. (0545)23.780

Repubblica di San Marino
Honda -
Guidi S. A. - Via IV Giugno, 18 - 47899 Rep. San Marino (Serravalle) Tel. 0549-900160
Suzuki - Tuttinmoto srl - strada Alvania, 57 Dogana - Rep. San Marino - Tel. (0549)90.86.67

Urbino
Yamaha
- Motor Show Center Sport - V. SS Urbinate KM. 423 - 61029 Trasanni di Urbino -Tel: 0722/4718

Foligno
Yamaha
- Ugolinelli srl - V.le Ancona 12 - 06034 Foligno - Tel: 0742/355741
Officine - Gervasi Moto - via Mollari, 8 - Foligno - Tel. 0742/24577

Spoleto
Honda
- Duranti Snc di Duranti F. & C. - Loc. Madonna Di Lugo 06049 Spoleto - Tel. 0743-224701

Roma
Yamaha
- Linea Moto Cruciani - Via Tiburtina, 85/97 - 00185 ROMA - Tel: 06/4450302
Honda - Made In Japan Moto Srl - Via Appia Nuova, 650 A/F 00179 Roma - Tel. 06-78346496
Samoto Spa - Via Cantalupo In Sabina, 21 00191 Roma - Tel. 06-334331
Mega Bike Srl - Viale Mazzini, 2/D/E/F/G/H 00195 Roma - Tel. 06-3213858
BMW - via Appia Nuova, 1257/A - Roma Tel 06/71290442
BMW - via Anastasio II, 71 - Roma Tel. 06/39378796
BMW - Collalti Motor sas - Viale Etiopia 12, 12A Roma - Tel 06/86214315
Kawasaki
A.B. Moto Due srl - via Appia Nuova, 803 - Roma - 06/ 7846961
Papa Moto - via Torpignattara, 171/173 - Roma - Tel. 06/24.14.707
Ducati - Max Moto by Ducati Roma - Via Prati Fiscali 116 - Roma 00141 - Tel. +39 06 88644749
Pielle Moto by Ducati Roma - Via Mattia Battistini 211/A/B/C Roma 00167 - Tel: +39 06 6275780
XXX MOTO by Ducati Roma - Via Carlo Sigonio 23 Roma 00179 - Tel: +39 06 7801841
Suzuki - Celani Team srl Via Casilina 1746 M/N - 00133 ROMA - Tel. (06)20.71.112
Cruciani Moto srl - via Trionfale, 11297 - Roma - Tel. (06)30.81.16.53

La Mille Miglia: Ferrara - Roma
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.