Cerca

Seguici con

Irlanda

Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord

di MariaVittoria Bernasconi, foto di Stefano Casati il 31/08/2018 in Irlanda

Questo itinerario meraviglioso scalda il cuore nonostante il clima umido e umorale del nord dell'isola. Le strade seguono disegni arzigogolati tra falesie e colline, tra ruderi e deliziosi villaggi

Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord
Chiudi

Questo itinerario è stato pubblicato sul numero 143 di Dueruote di Aprile 2017

Niente poesia, poca prosa. Per descrivere l’Irlanda del Nord basterebbero le immagini. Le parole sono pericolose, potrebbero non raccontare la bellezza, l'asprezza, la storia. La durezza di alcuni anni e la forza di lotte, contasti e manifestazioni del passato che è paragonabile a quella del vento sulla brughiera, a quella del mare sulle pareti di roccia scura.

I colori dell’Irlanda del Nord

Benvenuti in Irlanda del Nord, territorio inglese diviso in sei contee: in questo lungo viaggio ne attraversiamo cinque, seguendone le strade scure, da percorrere sulla corsia sinistra della carreggiata, e che tagliano i verdi incredibili di questo paesaggio. Del suo cielo, dei panorami, degli scorci incontaminati, tanto si è scritto, da essere quasi banali a ripeterlo. Ma è così: il cielo cambia repentinamente, scopre colori di zaffiro e poi si addensa di cumulonembi che sanno di piombo e cenere, di spumoso zucchero, di porpora e fuoco.

Tutto parte da Belfast

Il verde è declinato in così tante varianti da renderne difficile la catalogazione. E il clima umorale dell'Isola non aiuta a decidersi: i colori cambiano a seconda della forza del sole e della luce. Come accade anche a Belfast, la capitale del Nord, che splende di sfumature diverse dai dintorni in cui è sorta: distesa nella valle del fiume Lagan è cresciuta intorno ai cantieri navali e alle industrie di lino e tabacco, modificandosi sotto gli impulsi incessanti della rivoluzione industriale. Lucidata dalle frequenti piogge e messa a nuovo da un clima ottimista, ha oggi un bel centro storico, in parte pedonale: per questo è meglio girarla a piedi! Sulla sua pelle, fuori dai vicoli e oltre gli scenografici edifici vittoriani, appaiono i segni degli scontri. I Troubles sono vivi nella memoria e sui Peace Walls, ancora presenti e in qualche modo ancora voluti dai protestanti che oggi sono circa metà della popolazione del Nord.

Questo non deve spaventare, ma fa tornare alla mente tutto ciò che è successo negli ultimi decenni, fino alla firma dell'accordo del Venerdì Santo del 1998. Ma Belfast è molto di più di questo: la città vuole vivere bene e si percepisce dal movimento, dalle novità, dal fermento culturale e giovanile. Dalla leggerezza delle notti, vissute tra musica, pub e piacevoli passeggiate nel quartiere Cathedral, uno dei più vivaci e denso di eventi. Se siete in vena, fate un salto - a piedi - al The Crown Liquor Saloon, per l'architettura, l'arredamento d'epoca e l'atmosfera, oppure vagabondate tra gli Entries, i vicoletti tra High e Ann Street, su cui occhieggiano i pub più sofisticati e gettonati dalla gente del posto. Di giorno, invece meritano una visita l'Ulster Museum, la cattedrale di Sant'Anna e il Titanic Quarter! Fuori dalla città, però, tutto cambia.

A picco sul mare

Nel casco entra il mare: sfila veloce accanto alla moto, tiene il passo sulla destra. Bisogna superare i sobborghi di Belfast e arrivare a Larne per raggiungere una costa bella da guidare, un po' più libera dal traffico locale. Da qui il mare d'Irlanda e il verde dei prati sono padroni dell'orizzonte, fino a quando non è tempo di rientrare verso il Glenariff Forest Park. Vi consiglio questa piccola fuga dalla costa per immergervi nel cuore del parco. Così come, più avanti, c'è un'altra svolta che punta l'interno dell'Isola: se siete appassionati di Games of Thrones è imperdibile, perché raggiunge il bellissimo viale di faggi The Dark Hedges che però è preso d'assalto da orde di turisti in pullman. Quindi se non foste proprio fan della serie, potete anche risparmiarvi il giro e godervi la costa spettacolare delle Glens della contea di Antrim e la Causeway Coast. Attenzione però, la via da seguire è quella in direzione di Torr: sottile, serpeggiante e assolutamente selvaggia, è una strada minore meravigliosa che corre a picco sul mare. I resti del Kinbane Castle anticipano la tappa a Carrick a Rede, di cui vi parliamo nella sezione "da non perdere".

Anche da dietro alla visiera lo sguardo riesce ad abbracciare le isolette che punteggiano questo tratto di mare, arrivando alla tappa successiva: patrimonio dell'Unesco, la Giant's Couseway è l'incredibile risultato di un'esplosione sotterranea che ha fatto emergere questa enorme massa di basalto. Ora, se i fenomeni naturali vi avessero seccato la gola, è tempo di raggiungere Bushmills e l'omonima distilleria. Scherzi a parte, la Old Bushmills Distillery è in attività dal XVII secolo, e può essere piacevole una visita con degustazione di whiskey irlandese, sempre che non dobbiate guidare dopo: oltre al buon senso, occorre tenere a mente che le pene per la guida in stato di ebbrezza sono davvero impegnative!

Derry o Londonderry?

Dopo un passaggio al Mussenden Temple e alla spiaggia sottostante, si lascia il mare, le cui acque ormai si mischiano a quelle dell'Atlantico, per raggiungere la città di Derry Londonderry. Ha un doppio nome, segno tangibile della contrapposizione tra cattolici e protestanti che, anche qui, fu molto forte una manciata di decenni fa. La città si srotola dopo il ponte sul Foyle, tra divisioni, murales e quartieri dal fascino antico. Oltre Derry è solo vento e campagna: la strada scende rapida verso sud est, tra leggere colline coperte di prati di un verde squillante e cittadine senza grande personalità. La campagna è quello che importa: si coltivano cereali, granturco e ortaggi, seguendo il ritmo delle stagioni e il clima bizzoso. Se piove non togliete l'antipioggia: smette ma poi ricomincia e non ci si fa più caso. Ed è utile anche per ripararvi dal vento pazzesco: persino le pecore si accucciano per resistere alla furia delle raffiche.

In giro non ci sono moto, solo nei fine settimana se ne incontrano, soprattutto sulla costa. Che è la meta delle nostre gomme: dopo Newry ecco di nuovo il mare ad accompagnare la strada tranquilla del sud, tra spiaggette e cale riparate. Per fermarvi c'è la grande Tyrella Beach, meta di kite surfer e perfetta per un pic-nic. Se voleste sgranchire le ruote, il consiglio è di puntare le Mourne Mountains e seguire la strada B27: il paesaggio è davvero particolare e l'asfalto serpeggia tra prati ed eriche fiorite.

Poi si sale sul traghetto che da Strangford arriva a Portaferry: da qui l'animo si appaga, guidando sulla placida via che raggiunge Bangor, lungo una costa dolce che ha un ritmo blando e villaggi deliziosi in cui sostare. Come Portavogie, cittadina di pescatori: come non desiderare una cena di pesce al suono tintinnante delle barchette attraccate al porticciolo?!

Di nuovo a Belfast. Togliendo il casco si viene investiti dal vento del nord, che sa di altre zone, di schiuma, onde e burrasca. Che sa di città e di oceano ma anche della quotidianità, finalmente più tranquilla, di questa terra divisa.

Si ringrazia l'Ente del Turismo Irlandese www.ireland.com/it

Questo itinerario è stato pubblicato sul numero 143 di Dueruote di Aprile 2017

Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord

Da non perdere

BELFAST
Titanic Belfast
www.titanicbelfast.com
Più di un museo, meglio di un parco tematico: questa struttura è simbolica e particolare già nell'architettura (foto) che ripropone 4 prue e ha quote che ricalcano quelle del famoso transatlantico. All'interno può accogliere 3547 visitatori, lo stesso numero dei passeggeri del Titanic. Nei primi anni del '900 nei cantieri navali di Belfast veniva costruito il Titanic e oggi grazie alle 9 gallerie del Titanic Belfast si possono rivivere le fasi di costruzione, conoscere la città dell'epoca e rivivere il boom di quel fastoso periodo. Visitando questo vero e proprio centro di documentazione avveniristico si comprende anche quanto questo transatlantico sia stato simbolo e forza per il senso nazionalistico dell'Irlanda. E i visitatori autoctoni passano ore a scoprire i segreti di questo gigante del passato.

BALLYMENA
Glenariff Forest park
Una deviazione nell'interno per ammirare lo spettacolo delle cascate: dal visitor center si prende un sentiero punteggiato di ponticelli in legno che porta nel cuore della gola in cui si tuffano le acque di torrenti e fiumiciattoli. BALLYCASTLE
Carrick a Rede
www.nationaltrust.org.uk/carrick-a-rede

L'accesso è a pagamento, ma non scoraggiatevi: se non c'è coda vale la pena di entrare in quest'area di scogliere a picco sul mare, flagellate dal vento del nord e dalle onde spumose. Ad attendervi il lungo ponte di corda sospeso a 25 metri dall'acqua. Da qui si raggiunge Carrick a Rede Island, dove sorge un'unica costruzione, l'antica casa di un pescatore. Il ponte originario fu costruito più di 350 anni fa: oggi si può attraversare con un po' di coraggio. L'emozione è assicurata ma anche una splendida vista tra il mare e le coste.

BUSHMILLS
Giant's Causeway
Patrimonio dell'Unesco, questo sito naturalistico ha un fascino unico: quando si arriva alla costa si rimane davvero sbalorditi di fronte allo spettacolo delle migliaia di colonne basaltiche esagonali che emergono dal mare e creano un'architettura surreale. Lisce, scure, lucide e impressionanti, hanno la suggestione delle leggende: quella del gigante che costruì un sentiero per raggiungere la sua amata, dà il nome al selciato. Il biglietto di ingresso è di 8,50 GBP e include il parcheggio.

Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord

Dove mangiare

BELFAST
The Perch
42 Franklin Street
Tel.+44 2890248000

Suggestivo: posto all'ultimo piano di un vecchio palazzo del centro cittadino, è un locale pre-cena dove sbizzarrirsi con cocktail o favolose birre irlandesi. Ma si gustano anche piatti espressi. La location è davvero ben progettata. Per cocktail e un piatto si spendono circa 25 GBP.

BALLYCASTLE
Central Wine Bar
12 Ann Street
Tel.+44 2820763877

Se avete anche solo un pochino di fame ecco il posto giusto. Oltre ai piatti alla carta, ben cucinati, si può scegliere il menù a buffet, a partire da 8 GBP. Oltre a mangiare, spesso si ascolta musica dal vivo, ed è consigliata la prenotazione visto l'affollamento! La cena parte da 25 GBP.

DERRY
Pier 59 on the Strand
59 Strand Road
Tel.+44 28 71271759
Si trova a ridosso del corso del fiume Foyle ed è un locale giovane dove gustare ottimo pesce, cucinato sia in maniera tradizionale sia con guizzi innovativi. Per una cena si spendono almeno 30 GBP.

COOKSTOWN

Tullylagan Country Hotel
40b Tullylagan Rd
Tel.+44 2886765100

Lo stile ricercato si riflette anche nella cucina del ristorante di questa locanda di campagna, che offre piatti irlandesi molto sofisticati, resi delicati dalla mano attenta dello chef. La cena parte da 25 GBP, non è abbondante ma stuzzica il gusto.

BELFAST

Bistro Deanes Deli
42 Bedford Street
Tel.+44 2890248800

Lo stile ha un piglio metropolitano ed elegante e i piatti, da scegliere sulla grande lavagna in centro al locale, declinano ricette irlandesi ma anche una cucina innovativa di carne e pesce. Per una cena si spendono mediamente 35 GBP.

Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord
DERRY
Bishop's Gate Hotel
24 Bishop Street
Tel. +44 2871140300
www.bishopsgatehotelderry.com

Tranquillo, tradizionale, confortevole: tra i servizi, un bar dove assaporare birre scure e stuzzichini. Le stanze (foto) sono di varie categorie: la standard è sufficientemente ampia e luminosa. Doppia da 86 GBP.

BALLYGALLY

Ballygally Castle Hotel Coast Road
Tel. +44 2828581066
www.hastingshotels.com/ ballygally-castle

Un castello, pieno di suggestioni ispirate alla serie Games of Thrones, dove pernottare e cenare: spaziose le stanze, gustosa la cena. I prezzi sono adeguati alla location: solo la stanza parte da 129 GBP.

BALLINTOY

Whitepark House
150 Whitepark Road
Tel.+44 2820731482
www.whiteparkhouse.com

Una location davvero piacevole: solo tre stanze per questa piccola casa immersa in un lussureggiante giardino all'inglese, avvicina al selciato dei Giganti. La doppia costa 180 GBP con colazione irlandese.

MOY

The Ryandale
16 The Square
Tel.+44 2887784629
www.theryandale.com

Ha annesso un ristorante dove vale la pena fermarsi per una cena: spesso c'è musica dal vivo. Le stanze sono piacevoli, non proprio insonorizzate, ma ben arredate. La moto si parcheggia nell'area dedicata, all'aperto. Doppia da 85 GBP.

BELFAST

Park Inn Hotel Belfast
4 Clarence Str. West
Tel.+44 2890677700
www.parkinn.co.uk/hotel-belfast

La posizione è strategica per la scoperta di Belfast. Le stanze sono funzionali e così i servizi di questa struttura cittadina. Doppia da 75 GBP.
Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord
Non esistendo un pacchetto già confezionato ci si può organizzare il proprio "fly&drive" sfruttando i nuovi voli diretti su Belfast della compagnia Ryanair e prenotando una moto a una mezz'ora di taxi dall'aeroporto. Vi segnaliamo Motorcycle Hire Rental, dove per un modello tipo Triumph Bonneville si spendono 85 GBP al giorno, noleggiando per almeno 4 giorni.
www.motorcyclehireireland.com.

Stesso prezzo si paga per una Honda XL700V da Belfast Motorcycle Rentals, www. belfastmotorcyclerentals.com. Se si decidesse di sconfinare in Repubblica d'Irlanda occorre segnalarlo per estendere la copertura assicurativa
Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord
Il roadbook del viaggio
Viaggi in moto: alla scoperta dell'Irlanda del Nord
Chiudi

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato