Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Austria

In Austria sulla strada dei sogni

foto Valerio Boni© Valerio Boni il 25/06/2020 in Austria
In Austria sulla strada dei sogni
Chiudi

La Carinzia è una fonte inesauribile di suggestioni per il motociclista. Se già avete scalato il Grossglockner, la Nockalmstrasse rappresenterà una piacevole sorpresa

Questo itinerario è stato pubblicato, la prima volta, su Dueruote di Aprile 2019, disponibile nella Digital Edition, cliccando qui!

Appena varcato il confine tra Friuli Venezia Giulia e Austria si entra in un mondo che sembra disegnato su misura per un mototurista. Si può passare dal Passo del Tarvisio, ma anche da Monte Croce Carnico o Pramollo, e in tutti i casi si accede a un’area che ha tutte le caratteristiche per rendere felice chi decide di esplorarla in sella a una moto. Non importa il tipo o la cilindrata, anche con un semplice ciclomotore a pedali si possono soddisfare i cinque sensi di chi guida, ma anche del veicolo. A sorprendere sono soprattutto le condizioni delle strade, da quelle principali fino agli stretti viottoli che attraversano i pascoli, sulle quali l’asfalto non sembra nemmeno debba affrontare inverni rigidi, con neve e ghiaccio in abbondanza. 

In Austria sulla strada dei sogni

Il lago di Millstätter, un paradiso climatico amatissimo dagli Asburgo nella Belle Epoque, che qui hanno costruito numerose ville di lusso in stile liberty. A destra, una delle porte della cittadina di Gmünd

Il nostro itinerario parte proprio da una di queste strade perfettamente levigate, quella che da Kötschach-Mauthen segue il fondovalle del fiume Gail collegando piccoli villaggi contadini. In questo tratto non ci sono pendenze e cambi di direzione importanti, ma si tratta solo dell’antipasto, da apprezzare senza fretta, per entrare in sintonia con un ambiente che anche nel 2020 segue ancora i tempi della natura.

In Austria sulla strada dei sogni

Si procede in direzione est, verso Tarvisio, con lo spettacolo del sole che spunta dai monti se si parte all’alba. Poi, una volta superato Hermagor, si svolta verso nord abbandonando dopo pochi tornanti la strada principale per imboccare la variante che sale verso il Windische Höhe Pass, un valico a soli 1.100 metri di quota regalando i primi di una lunga serie di tornanti che il percorso nasconde.

Superato il valico si scende fino a riprendere la via principale che prima attraversa la Drava, il grande fiume che 600 km più a oriente confluisce nel Danubio, quindi arriva a costeggiare le rive del lago di Millstatt. Da qui l’itinerario prevede un nuovo cambio di direzione, ma non prima di avere scoperto un’oasi climatica la cui vocazione turistica è stata scoperta più di un secolo fa. Se il monumento storico più importante è un convento benedettino dell’XI secolo, meritano una visita le numerose e caratteristiche ville degli Asburgo, costruite tra il 1875 e il 1910. Millstatt era una tra le località più mondane della Belle Epoque, come conferma lo stabilimento balneare in stile liberty, all’interno del quale c’è il più antico trampolino della Carinzia, costruito nel 1930.

In Austria sulla strada dei sogni

NON IMPORTA LA CILINDRATA, IN CARINZIA ANCHE CON UN CICLOMOTORE A PEDALI SI POSSONO SODDISFARE I CINQUE SENSI DI CHI GUIDA

LA STRADA DEI SOGNI 

Tornati a Doebriach si gira a destra, in direzione Bad Kleinkirchheim località turistica a 360 gradi, che alla naturale connotazione di località termale, con acque che sgorgano a temperature tra i 40 e i 45° conosciute già dai tempi di Nerone, ha aggiunto quella si stazione sciistica di altissimo livello. Ventiquattro impianti di risalita e 103 km di piste sono il biglietto da visita di una località che ospita da anni la coppa del mondi di sci e sa sicuramente come soddisfare gli amanti degli sport invernali. Il viaggio continua verso est, fino a Patergassen, dove si tiene la sinistra per raggiungere una strada che da sola vale il viaggio, anche se si partisse da Roma o dal Salento. Un tradizionale casello in legno indica che stiamo entrando nella Nockalmstrasse, 52 spettacolari tornanti che superano due valichi in una continua evoluzione di panorami alpini, che libera la mente e i polmoni. C’è veramente tutto l’assortimento possibile, poiché si passa in sequenza dalla strada che corre nel bosco ad una una serie di laghetti dall’acqua cristallina, per finire dentro paesaggi aperti e liberi da vegetazione quando si raggiungono le quote più elevate.

L’itinerario è percorribile da maggio a ottobre ed è chiuso al traffico per i motociclisti dalle 18 alle 8, e obiettivamente non avrebbe molto senso affrontarlo di notte perché si rinuncerebbe ad almeno il 70 per cento del piacere. L’ingresso costa 12 euro, ma è gratuito se si è in possesso della Kärnten Card, il badge che si può ordinare anche online e apre le porte a un centinaio di attrazioni della Carinzia. In questo tratto si viaggia all’estremo nord della Carinzia, praticamente al confine con la Stiria, un’altra delle regioni austriache che meritano attenzione. 

In Austria sulla strada dei sogni

Le strade di questo itinerario sono talmente belle e curate che le uniche controindicazioni per affrontarle sono imposte dalla stagionalità. La Nockalmstrasse è chiusa al traffico per neve da fine autunno alla primavera

In Austria sulla strada dei sogni

LA TERRA DELLE PORSCHE

L’itinerario prosegue alternando tratti in mezzacosta ad altri sulle creste che nulla hanno da invidiare alla Grossglockner Hochalpenstrasse, vera e propria icona del mototurismo, che si snoda a circa due ore e mezza di moto a ovest da qui. Una volta superato il casello di uscita si esce dal “parco giochi” ma il livello dello spettacolo rimane alto, come del resto le condizioni della strada che scende verso il piccolo centro abitato di Kremsbrücke, dove si torna a percorrere una via più larga e pianeggiante, sempre tra pascoli verdi e centri abitati ben identificabili anche da lontano, grazie ai caratteristici campanili. Ancora qualche chilometro che alterna rettilinei ad ampie curve, e si raggiunge la cittadina di Gmünd in Kärnten, un borgo medievale con la parte bassa fortificata, alla quale si accede attraverso gli stretti varchi tra le torri e l’Alte Burg, l’antico castello sulla collina che domina il villaggio e la valle. Tutto ciò, oltre alla vicinanza con il Parco della Biosfera, potrebbe giustificare una visita a Gmünd, che tuttavia ha un motivo di attrazione in più per gli appassionati di motore, poiché proprio su queste strade, tra il 1944 e il 1950, sono state collaudate le prime Porsche uscite da una segheria, prima che la fabbrica delle supercar che hanno conquistato il mondo fosse trasferita a Stoccarda. 

Il nostro itinerario prosegue verso sud seguendo la strada 99, che costeggia con un andamento decisamente meno rettilineo, con continui dolci saliscendi nella foresta, il tracciato dell’autostrada. Si viaggia in un ambiente che trasmette relax, che riesce anche a integrare l’aromaterapia grazie all’intenso profumo balsamico della resina di pini e abeti diffuso nell’aria dalle piccole aziende specializzate nella lavorazione del legno che costeggiano la strada. Ancora qualche curva e sulla sinistra appare il centro abitato di Seeboden, che riporta sulle rive del Millstätter See, il lago che avevamo toccato prima di deviare verso la Nockalmstrasse. Un’elegante città ricca di parchi e musei, il posto giusto per rigenerarsi dopo tante curve ed emozioni.

Informazioni utili

PREFISSO TELEFONICO INTERNAZIONALE +43

LINGUA UFFICIALE Tedesco

DOCUMENTI Carta d’identità, patente italiana

ELETTRICITÀ 220 V

NUMERO EMERGENZA Polizia 113

Soccorso stradale ÖAMTC/ARBÖ 120

KÄERNTEN CARD www.kaerntencard.at/it

CONSOLATO ITALIA www.ambvienna.esteri.it/ambasciata_vienna/it

CARTA STRADALE Kompass 308 1:300.000

ENTE TURISMO www.austria.info/it

LIMITI DI VELOCITÀ

50 km/h città,
100 km/h strade nazionali
130 km/h autostrade

TASSO ALCOLEMICO

0,5 g/litro

VIABILITÀ
Per l’autostrada acquistare una “vignetta: per le moto si va dai 5,20 euro per 10 gg ai 34,70 per tutto l’anno

Questo itinerario è stato pubblicato, la prima volta, su Dueruote di Aprile 2019, disponibile nella Digital Edition, cliccando qui!

In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni

GMÜND

GASTHOF ALTE POST
Hauptplatz, 17
Tel. +43 47322212

I piatti sono quelli della tradizione, con un assortimento di zuppe e carne, a cominciare dalla wiener schnitzel, la tipica cotoletta di vitello. Per un piatto unico si spendono circa 25 euro. 

MILLSTATT

KAP 4613

Kaiser-Franz-Josef-Strasse, 330

Tel. +43 6643888318

La piramide sul lago è un luogo di tendenza, aperto tutto l’anno (il ristorante da maggio a ottobre). L’ambiente è informale e romantico, i piatti sfiziosi. Si mangia con 35 euro.

HERMAGOR

KONDITOREI SEMMELROCK

Gasserplatz, 6

Tel. +43 42822243

È un’irresistibile panetteria e pasticceria, ideale per una pausa golosa con un vasto assortimento di torte, dolci e il pan di zenzero. Per una ricca merenda ci vogliono 15 euro.

RADENTHEIN NOCKALMSTRASSE

KARLBAD
St. Peter, 2
Tel. +43 6649683926

A metà dello spettacolare percorso della Nockalmstrasse c’è un piccolo ristoro con pochi posti letto e una particolare spa, che ancora oggi è alimentata come 500 anni fa, con pietre roventi ad alto contenuto di minerali. L’esperienza deve essere prenotata con largo anticipo. Prezzi a partire da 57 euro. 

KÖTSCHACH MAUTHEN

BIERHOTEL LONCIUM
Mauthen 60
Tel. +43 4715284

Nel Settecento era un rifugio per viandanti, oggi permette di combinare il piacere di una buona birra con una camera accogliente. Il Bierhotel offre trattamenti personalizzati e parcheggi coperti per i motociclisti: per un pernottamento con prima colazione si spendono 45 euro a persona, 60 se si sceglie la mezza pensione.

JENIG

GASTHOF ZUM STRASSWIRT
Danz 4
Tel. +43 4285253

Fa parte della lunga lista di hotel a misura di moto presenti in questa regione, ed è una struttura a gestione familiare, con camere semplici e arredamento rigorosamente in legno con gli immancabili piumoni presenti in tutte le stagioni. Oltre alle camere, offerte a partire da 50 euro a testa con trattamento B&B, ci sono anche appartamenti che ospitano fino a 8 persone con prezzi da 180 euro.

In Austria sulla strada dei sogni

SCHE AUTOMUSEUM

HELMUT PFEIFHOFER

Non è il museo ufficiale, quello è a Stoccarda, ma è l’esposizione privata della famiglia Pfeihofer allestita in quella che era la falegnameria dove Ferdinand Porsche realizzò i primi prototipi dell’auto destinata a diventare un mito, derivata da una VW Maggiolino. La collezione comprende 40 modelli. L’ingresso costa 8 euro, ma è gratuito per i possessori della Kärnten Card. 

INNERKREMS-REICHENAU

NOCKALMSTRASSE

I 35 km di curve di questo tratto sono una vera e propria attrazione, con caselli di pedaggio alle due estremità. Oltre al singolo passaggio, che per le moto è fissato in 12 euro, tra le tariffe è compreso l’abbonamento mensile a 24 euro, un’opportunità che non deve essere scartata a priori, visto che una volta arrivati al termine la tentazione di ripercorrere l’itinerario è irresistibile.

SEEBODEN

MUSEO DEL BONSAI

Il particolare clima del lago è un ottimo ambiente per le piante, e qui 35 anni fa è nato il museo del bonsai, gemellato con quello giapponese. Su una superficie di oltre 15.000 metri quadri sono raccolti circa 3.000 alberi in miniature, in rappresentanza di oltre 120 specie vegetali. C’è anche un giardino zen. Il museo è aperto dalle 18 alle 18.

In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni
In Austria sulla strada dei sogni

Alla luce delle recenti, drammatiche condizioni che il coronavirus sta producendo in Italia e nel mondo, Domus sente l’esigenza di dare un segnale di presenza, interpretazione e sostegno a tutte le attività creative e produttive, italiane e straniere

Cristian Lancellotti

Vai a #BackOnTrack

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

Correlate

Annunci usato