Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Manutenzione

Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata

Christian Cavaciuti
di Christian Cavaciuti il 15/12/2023 in Manutenzione
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Chiudi

Nasce in fuoristrada, dove è impossibile farne a meno, sbanca tra i cordoli e arriva in strada, dove i suoi vantaggi non sono determinanti ma diventa un must estetico. Ecco come la forcella rovesciata ha lasciato il segno sulla moto moderna

Prima applicazione off-road: Steve Simons, 1980; WP, 1983; KTM 495, 1984
Prima applicazione stradale: Cagiva C587-C588, 1987-88; Suzuki GSX-R 1100, 1989

Arrivano dal mondo del Motocross e per molto tempo è sembrato che arrivassero dalla luna. Poi hanno cominciato a diffondersi nel Mondiale Velocità (in 500), sulle supersportive giapponesi e praticamente subito sulle 125 italiane più alla moda, che sentivano di non poterne proprio fare a meno. Ma nel giro di qualche anno non se ne è più potuto fare a meno in generale, al punto che chi ci ha provato (ad esempio Honda sulla VFR800) è stato criticatissimo.

In realtà la forcella rovesciata non è solo una questione di moda: e per questo indietro non si è più tornati. Dal punto di vista costruttivo, dato che i foderi sono sopra e sono loro ad essere serrati dalle piastre, una USD offre più rigidezza nella parte superiore, che è proprio quella dove le forze della frenata (ma anche quelle che si generano nella piega) tendono maggiormente a fletterla. Inoltre i foderi si sovrappongono di più agli steli, incrementando ulteriormente la rigidezza; per finire, questa configurazione sposta anche un po’ di masse non sospese in alto, alla parte sospesa, migliorando in generale la dinamica di marcia.

Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata

Dalla terra all'asfalto

Torniamo all’inizio: le forcelle rovesciate sono nate nel motocross e sono state sviluppate nel Mondiale Velocità, e il circuito è dove fanno la vera differenza. Nell’uso normale è difficile avvertire la minor rigidezza di una teleidraulica tradizionale moderna, anche nelle frenate più intense: ecco perché Honda la usava sulla VFR800, Yamaha tuttora la usa sulla MT-07 e in generale tanti modelli continuano a fare affidamento su questa tecnologia più antica.

Questo perché la qualità della forcella dipende, ancor prima che dalla sua struttura, dalla sofisticatezza e dalla qualità di lavorazione dei circuiti idraulici che contiene e che si occupano di smorzare le forze elastiche che la molla, dopo averle assorbite, restituirebbe altrimenti per intero, facendo saltare la moto su e giù per metri e metri. Le idrauliche più evolute, tuttavia, negli ultimi decenni sono sempre state appannaggio delle forcelle rovesciate, che costituivano una base meccanicamente migliore (e commercialmente più desiderabile). Per questo si ritiene che le rovesciate siano nettamente superiori delle tradizionali: in realtà è un po’ come la storia del pilota migliore che ha sempre la moto migliore. 

Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata

Svantaggi? Quasi nessuno

Ci sono anche degli svantaggi, ad esempio se ci sono problemi di tenuta una forcella convenzionale perderà ben poco olio mentre una USD può perderlo anche tutto per il solo effetto della gravità; in generale il rischio che questo olio finisca sui freni è più alto. Le forcelle tradizionali sono anche più semplici nella manutenzione (altra ragione per cui le moto di fascia bassa e media nate per i mercati asiatici le mantengono) ma non c’è dubbio che la forcella rovesciata sia oggi il vero riferimento in fatto di sospensioni anteriori e uno dei simboli della moto moderna, quella nata negli Anni 80 del secolo scorso.

Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
Le innovazioni che hanno fatto la moto moderna: la forcella rovesciata
TUTTI I RICAMBI ORIGINALI E I DISEGNI TECNICI DEI MIGLIORI MARCHI SU MOTONLINE

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Volevo confermare che oltre ai fattori tecnici passando da una YZ 250 del 1988 con forcelle tradizionali a un CR 250 dal 1990 la libidine di usarle e di guardarle era tanta.....roba.
  • La forcella rovesciata è stata introdotta dalla Moto Guzzi nell'immediato secondo dopoguerra sulle stradali Airone 250 e Falcone 500. E anche le prime V7 e fino alla V850 GT avevano un sistema a steli rovesciati. Bisogna che rivediate l'articolo. (Se non erro non sono neanche gli unici esempi, potrei sbagliare ma anche alcune inglesi coeve adottavano gli steli rovesciati)
  • Era il caso di ricordare che nel dopoguerra le Moto Guzzi Falcone e Airone già montavano forcelle rovesciate PSM
  • Era il caso di ricordare che nel dopoguerra le Moto Guzzi Falcone e Airone già montavano forcelle rovesciate PSM
  • Era il caso di ricordare che nel dopoguerra le Moto Guzzi Falcone e Airone già montavano forcelle rovesciate PSM