Quotazioni moto&scooter

Cerca

Seguici con

Burocrazia

Patente A1: guida completa alla patente 125 cc

Redazione
dalla Redazione il 06/05/2020 in Burocrazia
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Chiudi

Tempi, costi, modalità, moto che si possono guidare: ecco tutto quello che c'è da sapere su questa licenza di guida

A 16 anni è per molti italiani il momento della prima moto “vera”, magari un bel 125 cc. Ma per poter accedere al mondo dei grandi, è necessario conseguire la patente A1.

 

I COSTI

Per ogni licenza, sia da privatisti che attraverso le scuole guida, ogni volta dobbiamo affrontare gli stessi costi burocratici, ossia i bollettini da pagare in posta (oppure on line, per chi ha più dimestichezza con la tecnologia) per ottenere i necessari bolli e il foglio rosa, che ha una validità di sei mesi. Si tratta di tre versamenti distinti, su altrettanti conti correnti: uno da 26,40 euro, uno da 16 e un ulteriore bollettino da 16 all'atto della prenotazione della prova pratica. E siamo a 58,4 euro. A questi si aggiunge il certificato medico anamnestico (cioè quello che attesta il buono stato di salute psicofisica del candidato alla patente), che può essere rilasciato da un medico di base. Per questo certificato - che ha una validità di tre mesi - ipotizziamo un costo medio di 50 euro circa, anche se abbiamo avuto segnalazioni di medici di base che in certe zone d'Italia lo fanno pagare 100 o 120 euro. A questo bisogna infine aggiungere la visita medica vera e propria a cura dell'Asl o dell'ufficiale sanitario preposto (ad esempio, in una delegazione Aci) che costa altri 30 euro scarsi. Tirando le somme, i soli costi burocratici ammontano a 140 euro. A cui può aggiungersi quello dell’iscrizione a una scuola guida.

 

L’ESAME TEORICO

Per conseguire la patente A1 è necessario superare l’esame teorico, ossia un quiz a risposta multipla composto da 40 domande che viene svolto all’interno delle delegazioni provinciali della Motorizzazione Civile.

 

L’ESAME PRATICO

La patente A1 si può prendere a partire dai 16 anni ed è riconosciuta all'estero. L'esame pratico deve essere svolto con una moto di categoria A1, senza sidecar, con una cilindrata di almeno 120 cc e in grado di raggiungere almeno i 90 km/h di velocità.

 

COSA SI PUÒ GUIDARE

Con la patente A1 si possono condurre tricicli e quadricicli di potenza massima pari a 15 kW, ma solo sul territorio italiano. Se conseguita dal 19/1/13 abilita alla guida di motocicli fino a 125 cc, 11 kW di potenza massima e rapporto potenza/massa non superiore a 0,10 kW/kg. Abilita anche alla guida di tricicli e quadricicli da 15 kW al massimo. Per passare ai livelli superiori (A2, A) occorre superare gli specifici esami pratici senza ripetere la teoria.

 

LE VECCHIE PATENTI

Se conseguita dal 1/7/1996 al 30/9/99, tale patente è già tramutata in A senza limiti ed è riconosciuta anche all'estero. Se conseguita dal 1/10/99 al 18/1/13 mantiene la validità come patente A1,e abilita alla guida di motocicli fino a 125 cc e 11 kW di potenza massima.

 

Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc
Patente A1: guida completa alla patente 125 cc

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • alfant
    Ho conseguito la patente B nel 1991, con la quale ho sempre potuto guidare moto fino a 15 cavalli di potenza e 125 centimetri cubici di cilindrata. Dal 2017 ho la patente A2, con limitazione di potenza a 35 kW e cambio automatico, avendo fatto l’esame con uno scooter. Ora da più autoscuole mi è stato detto che la patente A ha sostituito la B per la guida di motoveicoli. La domanda che faccio è questa, se decidessi di chiedere un declassamento della patente A per tornare alla situazione che avevo fino al 28 Aprile 2017, giorno dell’esame con lo scooter 400 di cilindrata, sarebbe fattibile? Potrei tornare a guidare moto fino a 125 cmc con cambio o dovrei sostenere un esame?