Cerca

Seguici con

Burocrazia

Scarico aftermarket: quali sono le regole

Marco Gentili
di Marco Gentili il 02/09/2019 in Burocrazia
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Chiudi

Tutto quello che c'è da sapere quando si decide di sostituire il terminale della propria moto con un dispositivo di ricambio. Occhio all'omologazione, ma non solo

Succede a molti: il sound o la linea dello scarico originale della propria moto non piacciono. E allora si sostituisce con un prodotto aftermarket, omologato per la circolazione su strada. Si tratta di scarichi che, come abbiamo spiegato in questo approfondimento, vengono omologati con le stesse procedure di quelli di serie, oltre ad essere sottoposti a una prova prestazionale su un banco dinamometrico: qui la potenza erogata dalla moto non può essere superiore (o inferiore) del 5% rispetto allo scarico originale nelle stesse condizioni di prova.

 

Non serve la Motorizzazione

Se decidete di sostituire lo scarico con un terminale omologato lo potete fare senza aggiornare la carta di circolazione, in quanto il terminale è ritenuto dal 1996 “dispositivo di sostituzione”. Bisogna però circolare portando sempre con sé il foglio di omologazione rilasciato dal produttore dello scarico. Per evitare problemi in caso di controlli bisogna controllare due cose. Primo: che il codice di omologazione del prodotto sia lo stesso sia sullo scarico, sia sul foglio. Secondo: che lo scarico in questione sia omologato anche per il veicolo sul quale lo montate.

 

Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole
Scarico aftermarket: quali sono le regole

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • Gianni. Mollo
    Dobbiamo eviare l'ipocrisia del mercato. Gli scarichi after market spesso non sono omologati e se omologati sono diversi dal prototipo omologato. Tutti lo sanno . Con l'introduzione dell' Euro 4 uno sarico non originale non puo' avere le stesse prestazioni di quello originale specialmente nella questione inquinamenento . Non voglio commentare la situazione con Euro 5 che e' decisamente peggiore. Quindi caro Sig. Gentili se si vuole stare in regola non si puo' modificare nessun elemento che interferisca nella combustione e nello scrico. Lo sanno tutti .