Cerca

Seguici con

Burocrazia

Moto con targa straniera e divieti di circolazione: come comportarsi?

Marco Gentili
di Marco Gentili il 30/01/2019 in Burocrazia
Moto con targa straniera e divieti di circolazione: come comportarsi?
Chiudi

Il decreto sicurezza 113/2018 introduce il divieto, per chi risiede in Italia, di circolare con un veicolo con targa straniera. Le deroghe sono pochissime e le multe molto salate. Ecco cosa c’è da sapere

Il decreto sicurezza 113/2018 introduce il divieto, per chi risiede in Italia da oltre sessanta giorni, di circolare con un veicolo immatricolato all’estero, in modo tale da punire i furbi che, approfittando del domicilio straniero del veicolo, non pagano il bollo. E la circolare ministeriale del 10 gennaio scorso spiega chiaramente come comportarsi.

 

Divieto per tutti

La norma infatti vale per tutti, sia ai proprietari sia a coloro che si trovano anche occasionalmente a guidare il veicolo a qualsiasi titolo. Non importa infatti da quanto tempo il veicolo si trovi in Italia, o come sia stato portato all’interno del Paese. Allo stesso modo, la circolazione è vietata anche se a bordo del veicolo c’è un documento che autorizza la persona residente in Italia a condurlo. L'unica soluzione è recarsi in un ufficio della Motorizzazione per restituire la targa straniera e reimmatricolare il mezzo.

 

Le deroghe

Le uniche deroghe alla circolazione con veicolo immatricolato all’estero sono relative a mezzi concessi in leasing oppure in locazione senza conducente da parte di imprese straniere che non hanno una sede in Italia, o se il veicolo è stato dato in comodato d’uso a un dipendente o collaboratore dell’azienda. Sono anche esclusi dal divieto i conducenti dei veicoli (ma le moto, nella fattispecie, sono pochissime) con targa CC, CD, EE e AFI.

 

Le sanzioni

Le sanzioni previste per chi viene beccato a circolare con una moto con targa straniera sono molto severe: si applica infatti una sanzione amministrativa di 712 euro, l’immediato blocco del mezzo e il trasporto dello stesso in un deposito. Trascorsi 180 giorni senza che il veicolo sia stato reimmatricolato con targa italiana, o senza che il proprietario abbia chiesto il rilascio di un foglio di via per condurlo al di fuori dell’Italia, scatta la confisca del mezzo.

 

I casi limite e i dubbi

La circolare del ministero evidenzia come siano in corso di approfondimento alcuni casi limite, ossia quelli che riguardano i veicoli della Città del Vaticano, quelli immatricolati a San Marino e quelli immatricolati all’estero condotti dai residenti dell’exclave italiana di Campione d’Italia.

 

Nessun commento

Per inserire un commento devi essere registrato ed effettuare il login.

  • marvin0610
    Ma la Germania rilascia la Personalausweis solo dopo passati 5 anni dalla data del primo Anmeldung!
  • SalvoVR46
    Dasca88 devi fare la Carta di identita con l'indirizzo dell'estero
  • dasca88
    e come si verifica la residenza? esempio pratico: io vivo in Germania, ho un´auto e due moto mie con targa tedesca, sono in Italia sempre per le vacanze e ci vengo in macchina o in moto (sud Germania e nord Italia). Sui miei documenti non è scritto da nessuna parte che vivo in Germania, pur essendo regolarmente iscritto all´AIRE. Come si effettua la verifica?