Roland Sands Victory Capone


di Alan Cathcart, foto di Kevin Wing mercoledì, 4 marzo 2009
Una trasformazione su base Victory Vegas realizzata da un ex pilota per conto della stessa marca americana. Tendenzialmente è un chopper, ma... diverso



In soli dieci anni di attività, la Victory Motorcycles è riuscita a diventare la seconda casa motociclistica americana dopo la Harley-Davidson. Al pari di quest'ultima, anche la Victory basa la sua produzione su un bicilindrico di grossa cilindrata, ma lo fa con un occhio di riguardo nei confronti del mondo custom, grazie a importanti collaborazioni con alcuni dei veri e propri guru di questo settore.
Basta citare i nomi di Arlen, Cory e Zack Ness, ai quali di recente si è aggiunto anche quello dell'ex pilota, oggi preparatore, Roland Sands.
Roland ha infatti realizzato, su commissione della stessa Victory, una versione speciale della Vegas 8-Ball, ribattezzata Capone, a sottolineare la natura trasgressiva di questa realizzazione.
La Vegas rappresenta il modello d'accesso alla gamma Victory e la Capone ha riscosso grande successo, tanto che in un primo momento si pensava di produrre un kit di parti speciali per trasformare la moto di serie nella special realizzata da Sands, ma poi la crisi economica degli Stati Uniti ha messo il progetto in stand-by.
 

In attesa che arrivino tempi migliori, dunque, abbiamo comunque chiesto al boss della Victory, Mark Blackwell, com'è nata l'idea di una moto simile: "L'intenzione era quella di attirare una clientela ancora più giovane verso i nostri prodotti – ha spiegato – e la collaborazione con Roland, grazie al suo stile dinamico e sportivo, ci è sembrata la soluzione ideale. I primi contatti con lui risalgono a circa due anni fa e la Capone è il primo degli spunti che sono venuti fuori da questo incontro ad essersi concretizzato. In futuro ci saranno altre sorprese, che riguarderanno il settore delle cruiser ad alte prestazione e quello delle moto di media cilindrata. Siamo convinti che Roland rappresenti l'interprete ideale per sviluppare con noi questo tipo di iniziative. Sfortunatamente, però, abbiamo dovuto rivedere i nostri piani a causa della crisi che sta attanagliando i mercati. In ogni caso, contiamo di riprenderli in mano non appena sarà possibile: è solo questione di tempo".



TAGS special