Due designer per le Royal-Enfield


dalla Redazione martedì, 22 marzo 2011
Dalla collaborazione fra il designer Oberdan Bezzi e lo staff della McDeeb sono nate queste due special. Solo un esercizio di stile? Tutt'altro e in cantiere c'è l'idea di organizzare un trofeo dedicato



Nel 2010 nelle officine della Classic Farm Motorcycles di Bienno in Valcamonica, Fabrizio di Bella, alias McDeeb, ha iniziato a progettare e a produrre delle special omologate partendo dalla base della celeberrima Bullet EFI 500 Royal Enfield (potete leggere il servizio completo su Dueruote di Giugno 2010). Special che sono andate ad aggiungersi alle altre trasformazioni che l'officina bresciana già realizzava con questo marchio da diversi anni modificando Triumph, Kawasaki, Honda e altre moto di produzione più o meno recente.
Queste Royal "by Mc Deeb"sono state un successo, tanto che nella scorsa stagione la Classic Farm ne ha realizzate più di venti tra scrambler Six Days, Cafe racer, Clubman e Thruxton.
Per allargare la gamma a gennaio lo staff della MC Deeb ha deciso di realizzare altri due modelli, rivolti a una clientela non necessariamente appassionata del vintage. La progettazione di queste moto è nata da un incontro su internet sul forum dedicato alle Royal (http://www.royalenfieldowners.it) di due noti desgner di moto: il "veterano" riminese Oberdan Bezzi e l'emergente Luca Scalone.
Tra i due si è accesa una sana competizione per proporre l'idea più originale, che ha dato subito dei frutti, visto che alla McDeeb di nuovi modelli è toccato di metterne in cantiere più di uno, anzi contando le varie versioni si può parlare di una gamma di street-tracker e di street-scrambler che vanno ad aggiungersi ai modelli già esistenti, oltre ad un" bobber" che verrà presto svelato al pubblico.
Quella che vedete nella foto è la Trackster 500, che ispirandosi alle dirt-track, ha una ciclistica profondamente modificata rispetto alla Bullet di serie: peso contenuto in soli 155 kg, motore modificato per offrire più coppia e una versione "street legal" dalla cubatura maggiorata a 540cc in diversi livelli di elaborazione. Il motore nella versione base, grazie alle modifiche all'impianto di scarico e a quello di alimentazione, migliorie già collaudate sulla maggior parte delle special allestite nel corso della scorsa stagione, passa da 28 a circa 32 CV. Nella versione "big bore" da 540 cc, che a richiesta può essere anche dotato della doppia candela, si ottengono 34 CV, mentre un ulteriore aumento di 4 CV può essere conseguito con la lavorazione della testata, dell'albero a camme e della centralina, che è predisposta per tre diversi tipi di mappatura: street, sport e racing.
Il telaio di questa special può essere quello della moto di serie (e in questo caso il kit prevede dlle modifiche prevalentemente estetiche), oppure una nuova unità in tubi di acciaio al cromo-molibdeno. Gli ammortizzatori sono un'opera unica, realizzata artigianalmente dalla Mc Deeb. Il prezzo definitivo non è ancora stato annunciato ma viene definito come "assai interessante" , senza contare le possibilità pressoché infinite di personalizzazione che la "factory" bresciana è solita offrire ai propri clienti.
 
L'altra McDeeb la "Boy Racer" 500 è stata progettata per prendere parte ad un monomarca che si sta pensando di organizzare con una moto semplice, leggera e facile sia da guidare che da mantenere.
Appena 140 kg di peso, motore con poche modifiche (scarico, centralina, rapporti) in modo da offrire la massima affidabilità, una moto da buttare nelle curve , dove più che i CV contano una ciclistica rigorosa e il manico del pilota. Anche questa è opera del prolifico Oberdan Bezzi.

Tutte le modifiche fatte sulle Royal Enfield trasformate dalla Mc Deeb vengono regolarmente riportate a libretto: una politica seria da parte di un tuner e che sta pagando visto che le special dell'azienda bresciana, grazie a un accordo stipulato di recente, stanno cominciando ad essere distribuite anche sul mercato inglese, mentre trattative sono in corso con dei distributori in altre nazioni.




TAGS special

Articoli correlati