SBK, ufficiale: Milwaukee e Aprilia insieme per il 2017


dalla Redazione giovedì, 22 settembre 2016
Eugene Laverty e Lorenzo Savadori correranno con l'Aprilia RSV4 nel Mondiale SBK 2017 con i colori del Milwaukee Aprilia Racing Team. L'accordo ha durata biennale ed è quindi valido anche per la stagione 2018


Ora è ufficiale, il prossimo anno nel Mondiale SBK due RSV4 scenderanno in pista con i colori del Milwaukee Aprilia Racing Team. L'accordo ha durata biennale ed è quindi valido anche per la stagione 2018. Il rapporto prevede la fornitura del materiale tecnico, della relativa assistenza e del supporto diretto di Aprilia Racing, anche per lo sviluppo della moto, così da classificare Milwaukee come Supported Factory Team.
Lorenzo Savadori, già campione italiano ed Europeo della 125 nel 2008 e della STK nel 2015, quest'anno sta correndo la sua prima stagione in SBK  Lorenzo Savadori, già campione italiano ed Europeo della 125 nel 2008 e della STK nel 2015, quest'anno sta correndo la sua prima stagione in SBK

 
Aprilia Racing - il reparto corse del Gruppo Piaggio e punta tecnologica di eccellenza dell’industria motociclistica italiana – ribadisce così la sua presenza ad alto livello nella massima competizione per moto derivate dalla serie che si affianca all’importante impegno in MotoGP. L'obiettivo è gareggiare al massimo livello nel Mondiale SBK per ribadire la competitività della Aprilia RSV4, capace di raccogliere ben sette Titoli Mondiali (tre Piloti e quattro Costruttori) tra il 2010 ed il 2014 dimostrandosi la moto più vincente della recente storia del WSBK.

La squadra condotta da Shaun Muir, che vanta nel suo palmares due titoli britannici, potrà contare su una lineup piloti di assoluto rispetto: oltre al Campione Superstock 2015 Lorenzo Savadori, quest'anno messosi subito in luce da debuttante nella World Superbike, tornerà nel WSBK Eugene Laverty, irlandese e Vicecampione nel 2013 proprio in sella alla Aprilia RSV4. Ora resta da vedere il futuro di Iodaracing che quest’anno sta correndo con le Aprilia con Savadori e Alex De Angelis, secondo pochi giorni fa al Lausitzring.

"Il team di Shaun Muir, dopo aver ben figurato nel campionato britannico, vuole arrivare al vertice di una categoria mondiale – ha commentato Romano Albesiano, Responsabile Aprilia Racing. Il nostro rapporto prevede, oltre alla fornitura di moto e materiali, l'affiancamento di personale Aprilia Racing per la gestione e lo sviluppo delle RSV4, all’interno di una relazione di tipo Factory Support.

La nascita del Milwaukee Aprilia Racing Team segna anche il ritorno in WSBK di Eugene Laverty, pilota che conosciamo bene e del quale stimiamo le doti professionali e umane. Sarà affiancato da Lorenzo Savadori, un giovane che fa parte del nostro progetto sportivo da due stagioni, nelle quali ha prima conquistato il titolo Superstock 1000 facendosi notare poi in WSBK con una annata di debutto estremamente positiva".

Shaun Muir,
SMR General Manager ha poi aggiunto: "Per SMR la collaborazione con Aprilia Racing per il 2017 e 2018 significa una opportunità reale di lottare per la vittoria. Aprilia ha una storia forte e vincente in World Superbike e noi siamo determinati a continuare su questa strada. Le presenze di Eugene e Lorenzo creano un team da sogno. Senza dubbio Eugene torna in WSBK per una unica ragione, vincere. Lorenzo invece è il debuttante più veloce e un sicuro protagonista. Voglio ringraziare Milwaukee, Gulf e tutti i partner che sostengono il nostro progetto".

"Sono emozionato - ha dichiarato Eugene Laverty - per il mio ritorno in Superbike con Aprilia e la RSV4, una moto sulla quale ho conquistato dieci vittorie ed il secondo posto in campionato. Spero di poter ripartire da quei risultati, grazie al supporto di Aprilia e un team fantastico come quello di Shaun Muir. I tasselli sono tutti al posto giusto per essere competitivi da subito".

"Sono molto contento di continuare la mia avventura nella World Superbike con Aprilia, le parole di Lorenzo Savadori. Questa è una ulteriore opportunità per ottenere grandi risultati, con un anno in più di esperienza da parte mia sulla RSV4. Al debutto in una categoria impegnativa sono riuscito a esprimere già un buon livello di prestazioni, imparando molto sia della gestione in gara che del lavoro al box, ma non mi voglio fermare. Partiremo sicuramente motivati, con un progetto ambizioso e tanta voglia di fare bene".



Articoli correlati