Yamaha XVS 950 A Night Star


di Stefano Gaeta lunedì, 9 marzo 2009
Proposta come entry level, di fatto la cruiser giapponese è una moto matura, confortevole e ricca di soluzioni altamente tecnologiche: una su tutte, il motore a scoppi irregolari


Sono le montagne che circondano il lago di Como quelle che si specchiano nelle brillanti cromature della nuova nata in casa Yamaha, la XVS 950 A, meglio conosciuta come Night Star. Una custom cruiser completamente nuova che va a completare la gamma della casa di Iwata che già comprendeva versioni da 1300 e 1900 c.c. Stiamo parlando quindi di una entry level pensata per poter permettere agli appassionati del genere custom di avvicinarsi a questo mondo con un investimento economico tutto sommato contenuto ma senza rinunce nè sotto il profilo dello stile nè sotto quello della qualità o del piacere di guida. Yamaha XVS 950 A Night Star
 


Il bicilindrico di 950 cc raffreddato ad aria vanta soluzioni tecniche molto raffinate. I tecnici responsabili dello sviluppo hanno attinto anche dall'esperienza di Yamaha nella moto GP: il motore a scoppi irregolari con pistoni forgiati rende infatti questa cruiser estremamente piacevole da utilizzare sia negli spostamenti di tutti i giorni sia nei trasferimenti a medio e lungo raggio. Il sound allo scarico è pieno e profondo – c'è però qualche rumore di meccanica di troppo - con il motore che pulsa piacevolmente sotto la sella. Il tutto senza trasferire vibrazioni fastidiose né al manubrio né alle pedane, che sono ampie e completamente rivestite in gomma. Queste ultime entrano precocemente in contatto con l'asfalto durante la guida su strade ricche di curve come quelle teatro della nostra prova. Del resto la Night Star non è certo una moto pensata per andare di fretta: panorami e gite in compagnia, anche con un comodo passeggero al seguito, sono il terreno preferito di questa affascinante custom che rimane divertente da guidare in qualsiasi situazione. Comoda e con una posizione in sella ben studiata, è divertente da guidare e trasmettendo sempre una sensazione di sicurezza. Merito anche di una sella "rasoterra" che permette anche a piloti di bassa statura di non sentirsi mai in difficoltà, nemmeno nelle manovre da fermo, nonostante il peso non proprio trascurabile.
Quindi una moto facile e fruibile con un prezzo di acquisto di poco più di 9000 euro e una piacevole gamma di colori (tre: nero, rosso, blu, tutti metallizzati), doti che la rendono molto interessante per una ampia fascia di pubblico appassionato del genere "American Style".

Vai al test completo di Alan Cathcart!




Articoli correlati