Road to Wheels and Waves, day 4: Biarritz e il Wheels and Waves


Carlo Portioli martedì, 28 luglio 2015
Preludio: la sera prima corriamo al faro, il luogo del tanto atteso raduno. L’albergo era stato scelto 9 mesi fa proprio perché ci avrebbe consentito di raggiungere l’evento a piedi. Arriviamo fin su dopo una consistente scarpinata ma… niente. Vuoto.



Sono le 22.00 e abbiamo fame, chiamiamo un taxi e si materializza Super Mario Kart che guidando come se non ci fosse un domani raggiunge un luogo X in mezzo a Biarritz dove dice che avremmo trovato il party del W&W, ma anche lì… nulla. Delusione, stanchezza, fame. Basta guardarsi in giro e capiamo lo spettacolo in realtà è ovunque, lo spettacolo è per le strade, lo spettacolo sono le strade.
Breve digressione: Biarritz è bellissima, una città in stile Belle Epoque su colline che declinano verso l’oceano. Edifici splendidi e opulenti. Non ultimo: sono tutti belli. Per comprare casa qui credo si debba anche passare la selezione di uno o più casting. Io per prenotare l’albergo ho mandato una foto di Brad Pitt su una moto di Kimura, altrimenti mica ci facevano venire a noi che sembriamo scappati dal circo. Qui si ha la sensazione che ci sia in corso un esperimento di eugenetica: i ricchi e brutti di prima generazione si sono sposati con le gnocche ed hanno dato alla luce figli carini, che a loro volta essendo ricchi e carini si sono sposati con delle super-gnocche facendo figli belli e ricchi. Alla terza generazione la selezione della razza di belli e ricchi prende forma e qui per le strade di Biarritz si vede chiaramente. I ciuffi sono l’esempio più evidente: la calvizie è stata eliminata geneticamente, sostituita da imponenti ciuffi biondi (under 35) oppure sale e pepe (over 35). Sempre mossi da un vento ideale, forniscono un’aria interessante e un po’ maledetta alle facce sottostanti. L’adipe? Un ricordo per questa razza longilinea, che si slancia verso il cielo e oltre. Escono su moto meravigliose da box circondati da buganvillee profumate, come fosse una copertina di un giornale d’arredamento. Quando corrono, lo fanno al rallentatore. E noi… noi sembriamo gli scarti della lavorazione. Guardiamo i risultati di questo esperimento di selezione della razza mentre ci passano attraverso con il loro sguardo, coronato da occhiali perfettamente in armonia con la forma del viso.
 

Dicevamo: la sera in giro, moto e gente stilosa ovunque. Tantissime moto. Sembra di stare in un B Movie dal titolo: “Gli angeli dell’inferno invadono il paradiso”. Le moto e le facce sono da film, l’ambientazione pure. Ci sono anche moto, facce e abbigliamenti banali, ma sono la minoranza.

 

Mattino, ore 10.00: Siamo tutti eccitati come bambini prima di uscire dal letto il giorno di Natale. Questa volta si va, le aspettative sono alte. Lunga camminata, finalmente si arriva alla location di quest’anno: la Cité de L’Ocean. Ci troviamo davanti a un lungo prato che scende morbidamente verso l’oceano, incastonato tra due promontori. Su uno dei due, si vede in lontananza una villa in stile Addams semplicemente meravigliosa. Le tende militari, tutte uguali e basse, danno una sensazione di coerenza e uniformità. Sotto le tende si trovano i grandi marchi ufficiali, da HD a Yamaha e Ducati, fino a piccoli preparatori. Le moto che hanno accesso all’evento sono tutte pre ’77, pezzi unici e meravigliosi circondate da un aurea magica che evoca storie di corse selvagge nascoste nelle curve dei loro telai. Qui si definisce un pezzo importante del codice stilistico kustom dei prossimi anni. Se ami questo linguaggio espressivo applicato alle moto, non c’è al mondo un posto migliore dove essere. In giro ci sono tante persone, ma non troppe. Tutti parlano, chiacchierano, ascoltano musica in un clima rilassato e mai troppo rumoroso. Forse il segreto che ha reso questo raduno l’evento kustom migliore al mondo è tutto qui: persone rilassate che si scambiano idee su ciò che più amano in un contesto splendido.

Scorazziamo contenti da una tenda all’altra come un cane che si rotola nell’erba. Siamo bimbi sperduti sull’Isola Che Non C’è e le moto sono il nostro Peter Pan.

 

Alle 22.00 nella saletta dell’albergo si riunisce il Consiglio di Sicurezza: domani danno pioggia e bisogna decidere che strada fare per minimizzare gli sciacquoni. Ci muoviamo intorno a una cartina in scala 1:1 della Francia come gli ufficiali nel quartier generale degli Alleati prima dello sbarco in Normandia. Movimenti precisi, le espressioni dei volti sono grevi e attente. Parole poche e secche. Qui si decidono le sorti dei prossimi 1300km. Da una parte la cartina, dall’altra il meteo sul cellulare di Francy. Claudio ha già pianificato sul Tom Tom il giro che passa da Bordeaux, giù per la valle del fiume Dordogne, ma il meteo consiglia di ripassare dai Pirenei e ripercorrere la costa. Dibattiamo, esprimiamo pareri, teorizziamo improbabili passaggi via traghetto da Barcellona. Si nota che qualcuno ripete solo l’ultima cosa detta, tanto per dare l’impressione di una partecipazione attiva. Decidiamo che si tornerà sui nostri passi passando dalla Costa Azzurra.

 

Buonanotte: domani si torna in sella e non sarà meno dura dell’andata per gente come noi, con la preparazione atletica costruita faticosamente in un inverno al Birrificio e con l’ardimento dei pensionati in fila in Posta.Siamo partiti con grandi aspettative sul Wheels an Waves, torniamo con la sensazione di piena soddisfazione e anzi la convinzione che sarebbe stato bello avere più tempo da dedicare.






Articoli correlati