Su Dueruote di Aprile: Francia alla scoperta dell'Ardeche


dalla Redazione mercoledì, 29 marzo 2017
L'area dove il fiume Ardeche si infila in uno spettacolare canyon è nota agli appassionati di kayak, ma è perfetta anche per il mototurismo. A spasso tra il verde rigoglioso e la preistoria. Sulle pagine di Dueruote di Aprile tutti i consigli per intraprendere il viaggio



Nel suo lungo viaggio verso sud, verso lo sbocco sul Mediterraneo, il Rodano riceve acque da numerosi affluenti che disegnano vallate dalla forte personalità, ognuna con almeno un elemento che giustifichi una visita. C'è la Saona, navigabile per un lungo tratto, ideale per una vacanza in house-boat e c'è l'Iseran, la cui sorgente è a due passi dal colle dell'Iseran, che con i suoi 2.770 metri di quota è il valico alpino più alto d'Europa, meta di motociclisti e ciclisti di tutto il mondo. Tra i 46 affluenti non mancano corsi d'acqua che si sono scavati a fatica il loro letto in milioni di anni nella roccia, dando vita a canyon che non hanno molto da invidiare a quelli americani in termini di spettacolarità.

Se il più celebre è il Verdon, l'Ardeche ha pareti meno alte (si parla sempre di falesie alte più di 200 metri) ma è comunque ricco di fascino. Come e più del Verdon, la regione è un punto di riferimento per chi è alla ricerca di vacanze avventurose in kayak, con discese impegnative quanto basta per regalare adrenalina senza grandi pericoli da percorrere in poche ore o in più giorni….

Ma questo è solo l’inizio! Il viaggio prosegue sulle pagine di Dueruote di Aprile in edicola, e subito disponibile nella Digital Edition, cliccando qui!

Le altre novità di Dueruote di Aprile, le potete vedere qui!