Belgio, Vallonia: un viaggio a tutta birra!


Di Tiziana Crimella, foto di Roberto Mele. Adattamento web di Maria Vittoria Bernasconi mercoledì, 21 ottobre 2015
Un viaggio nella regione più verde del Belgio, tra canali e fitte foreste dove guidare di villaggio in villaggio, raggiungendo abbazie e brasserie dove degustare le deliziose birre artigianali (dopo aver parcheggiato la moto!). Ecco i consigli per organizzare il viaggio, la mappa, il roadbook e una ricca GALLERY!



Partenza e arrivo Arlon - Namur
Lunghezza 380 km
Quando partire da aprile a novembre
Ideale per spunti storici ed enogastronomici
Moto adatte  tutte

La Vallonia è un bel posto dove programmare un viaggio in moto: fitta di boschi, punteggiata di canali e torrenti e di brasserie dove assaggiare le rinomate birre locali, una volta parcheggiata la moto.

Da Arlon, la partenza del viaggio, si prosegue verso Orval tra verdi colline e piccoli villaggi. Qui c’è già la prima sosta: l’abbazia di Orval che è famosa per la produzione di un’ottima birra trappista. Nella sosta si visitano anche le rovine dell’Abbazia fondata nel 1070 e distrutta a cavallo del XVIII secolo.

Lasciata Orval la moto punta l’anteriore verso Boullion, passando per Florenville, un paesone allegro che invita alla sosta soprattutto per la cioccolateria che spande i suoi aromi dalla piazza centrale.


 
Percorrendo le vie secondarie si seguono belle curve nel verde, da cui spunta il castello di Boullion, e si prosegue ancora lungo pendii e strade sinuose. Sosta a Rochefort nell'abbazia di Notre Dame di Saint Remy, dove si produce un’altra birra trappista. Nel rispetto rigoroso della tradizione, il pubblico non è ammesso alla brasserie.

A La Roche en Ardenne si seguono, poi, le indicazioni per il Belvedere des six Ourthes, un punto panoramico sulle sorgenti del fiume Ourthe. Seguendo il corso dell'Aisne in direzione nord ci si trova in mezzo a folte abetaie, verdissime radure da pascolo e una nebbiolina umida che presagisce il sole.

Per raggiungere Dinant si segue un tratto pianeggiante: la città è disseminata di enormi sassofoni che ricordano Adolphe Sax, la cui storia si legge e si segue anche nel piccolo museo dedicato. Per la birra si prosegue fino a Purnode: qui la Brasserie du Bocq consente di visitare i locali di produzione fuori dal rigore trappista. Si chiude il giro a Namur, la capitale della Vallonia, da visitare con calma e fermandosi a sera in una delle luminose brasserie dove brindare con una buona birra, naturalmente!

L’itinerario completo, pubblicato sul numero di Gennaio 2014 di Dueruote, ha vinto il Premio Stampa 2013 dell'Ufficio Belga per il turismo, ed è disponibile nella versione completa anche nella Digital Edition, cliccando qui!





Articoli correlati