Harley-Davidson Street Bob


Stefano Gaeta giovedì, 5 ottobre 2017
L'Harley più facile da guidare (fra le nuove Softail provate): la custom giusta per iniziare, ma anche un’ottima base di partenza per una eventuale personalizzazione. Ecco quello che abbiamo provato guidandola sulle strade spagnole



Harley-Davidson ha rinnovato la gamma Softail, dopo avervi elencato le novità di motore e telaio, ecco la prova dei quattro modelli: iniziamo con la Street Bob in vendita a partire da 15.200 euro chiavi in mano.

Questa moto ha una posizione di guida che sulle prime ci lascia stupiti: il manubrio ape-hanger e le pedane alte e centrali costringono ad una posizione di guida quantomeno strana. Per fortuna che la Street Bob si lascia condurre con facilità.

Complice anche il baricentro basso, la custom americana è sufficientemente agile tra le curve e permette di tenere un ritmo allegro chiedendo in cambio un contenuto impegno fisico. Solo il rumore delle pedane che strisciano sull'asfalto avvisa che il limite è vicino... L'ammortizzatore è sistemato quasi orizzontalmente in prossimità della testata posteriore del V di 45°. A seconda del modello variano la larghezza di gomme e forcellone, il diametro ruote, l'inclinazione del cannotto di sterzo.

 

Disponibile con il solo motore "107", la Street Bob è, tra quelle provate durante il press test in Spagna, la moto più facile per chi dovesse per la prima volta salire in sella a una H-D. Ed è perfetta come base di partenza per una eventuale personalizzazione attingendo dal solito, infinito catalogo degli optional H-D.