CIV Misano round 1 e 2: i vincitori


dalla Redazione lunedì, 27 aprile 2015
Sul circuito della Riviera è scattato il campionato italiano. Nella SBK la prima va a Perotti la seconda a Pirro, in SS una a Mercandelli l’altra a Roccoli. Nella Moto3 doppietta per Bezzecchi



Trionfo era annunciato e trionfo è stato. Con un giorno di ritardo. Il 2° Round del CIV 2015 a Misano è sembrato una passerella in solitaria per Michele Pirro in SBK. Il pilota Ducati Barni Racing gommato Michelin, dopo la sfortuna di ieri, ha imposto un ritmo insostenibile per tutti i suoi avversari, andando a vincere senza difficoltà. Accanto a lui sul podio, 2° posto per Corradi su BMW con pneumatici Dunlop e 3° posizione per l’altra Ducati gommata Michelin, quella del campione in carica Ivan Goi. Ancora una buona prova per Andreozzi e la sua Aprilia (con gomme Pirelli), 4° davanti al trio di Yamaha composto da Guarnoni, Barrier e Polita. Una classe SBK dove, oltre alla sfida tra i piloti, si conferma la lotta tra le case e quella tra i fornitori di pneumatici.

La classifica di campionato vede Andreozzi 1° (33p) davanti a Goi (32p) e Perotti (27p), con Pirro 4° (25p), che ha avuto anche l’abbraccio dei suoi tifosi in un round caratterizzato dalla parata dei circa 4000 motociclisti del 4° MotoMemorial Sic Day. Battuto il record di 1900 moto presenti in pista, detenuto dal tracciato di Brno. Un round del CIV che ha visto una grande affluenza di pubblico con circa 7000 presenze.

In Moto3 il leader è Marco Bezzecchi, ma gli equilibri sono tutti da stabilire. Il pilota Mahindra Peugeot ha vinto anche il 2° round, in una gara interrotta da una bandiera rossa a pochi giri dalla fine, causata dalla caduta di un pilota. Dietro di lui, i due compagni di squadra dell’MTR Moto GP Team, Alessandro Del Bianco, che migliora la 6° posizione ottenuta ieri e Fabio Di Giannantonio, di nuovo a podio, ma frenato ancora dalle interruzioni.


La gara ha visto a lungo 8 piloti racchiusi in pochi decimi, a dimostrazionedi quanto sia sottile il margine tra i protagonisti. Buona la prova dell’esordiente su RMU Dennis Foggia, pilota #madeinCIV come Di Giannantonio, alla fine 4° e autore del giro veloce.

La classifica di campionato vede ora Bezzecchi a punteggio pieno davanti a Di Giannantonio (36p) e Del Bianco (30p). Nel Trofeo NSF 250 stesso podio di ieri, con Ghidini primo su Pasqualotto e Zanotti, che sono anche i primi 3 in classifica.
L’esperienza trionfa in SS. Dopo il 3° posto di ieri è stato Massimo Roccoli a vincere il 2° Round di Misano. Il pilota su MV Agusta ha preceduto la Kawasaki di Vitali e la Yamaha del poleman Boscoscuro, incappato in una caduta nella gara di ieri. I due hanno dato vita ad una bagarre risolta solo all’ultima curva. 4°posto per Morrentino e 5° per il vincitore del 1° round Mercandelli. Roccoli conduce in campionato (41p) davanti a Mercandelli (36p).

Incontenibile Celestino Vietti Ramus nella Premoto3 250 4T. Il pilota RMU ha portato a casa una gran doppietta nei due round di Misano, vincendo anche alla domenica davanti al compagno di squadra Spinelli. 3° posto per Stefano Nepa. Squalificato Zannoni, inizialmente 2° in gara, per irregolarità tecnica. In 125 2T la vittoria è andata a Bernardi, con Baldini 2°, in rimonta dopo la caduta di ieri, e Carraro 3°. In campionato Vietti Ramus conduce nella 250 4T, mentre Bernardi è 1° in 125 2T.

Sport
Grande prova di Luigi Ritucci che ha condotto la gara in testa seminando gli inseguitori Iovino e Di Rago, mentre dietro era bagarre tra Mazzina, Zamboni, Aironi, Barani, Drago e Scagnetti. La gara è stata interrotta ad un giro dalla fine per la caduta di Iovino, con la classifica calcolata alla tornata precedente. I Podi Sport 250 4T: 1° Luigi Ritucci 2° Mario Iovino 3° Nicola Di Rago Sport 125 2T 1° Niko Barani 2° Federico Drago 3° Daniele Scagnetti. KTM RC 390 Cup 1° Michael Mazzina 2° Paolo Aironi 3° Luca Bono.

I trofei
Griglie al completo per il Trofeo National che schiera piloti più esperti nella 1000 ed i giovani nella 600. Nella prima gara di stagione Alessandro Valia si è aggiudicato la vittoria della classe 1000 davanti a Andrea Di Giannicola e Alessio Velini. Daigoro Toti si è imposto nella 600 con Davide Bonfanti, secondo, e Antonio Romano, terzo. La CBR 600RR Cup ha visto sul primo gradino del podio Axel Bassani davanti a Marco Malone e Matteo Ciprietti.


 
Il primo round
Nella SBK Ci si aspettava il trionfo di Pirro, visti anche i tempi in prova. Così non è stato. Nella classe regina, che ha visto una gara interrotta a causa di sporco in pista, e ripresa dopo un doppio intervento di pulizia dei marshall, ha trionfato la BMW di Perotti, davanti all’Aprilia di Andreozzi, entrambe gommate Pirelli. Terzo posto per la Ducati di Ivan Goi. In una gara che, dopo essere ripartita, sembrava avere un solo dominatore: Michele Pirro. Il pilota Barni Racing aveva un buon margine sugli inseguitori, ma a poche tornate dal traguardo la sua moto rallentava per un problema tecnico. 4° posto per Sandi e 6° per Polita. Fuori Sylvain Barrier per una caduta.

Pronostici rispettati invece in Moto3, con il trionfo di Marco Bezzecchi su Mahindra Peugeot dopo una bagarre durata quasi tutta al gara con Fabio Di Giannantonio. Terzo posto per Fabio Spiranelli, che con il compagno di squadra Bezzecchi fa parte del progetto San Carlo Talenti Azzuri, con il quale l’azienda e la FMI supporta i giovani piloti. Anche la gara della Moto3 è stata interrotta a pochi giri dalla fine per la caduta di un pilota, e ha visto il 4° posto dell’esordiente Ieraci su RMU, il quale insieme a Foggia e Groppi (caduti per un contatto), entrano del progetto #madeinCIV, con il quale la FMI supporta i giovani piloti cresciuti nel Campionato Italiano. Caduta anche per Yari Montella del Sic58, che ha dimostrato comunque un buon passo. 6° e 7° posto finale per altri due protagonisti della vigilia, Alessandro Del Bianco e Simone Mazzola. Nel Trofeo NSF vittoria di Ghidini, anche lui talentuoso pilota parte del progetto #madeinCIV davanti a Pasqualotto e Zanotti.

La classe più affollata del Campionato, la Supersport, ha visto la vittoria di Roberto Mercandelli su Yamaha, dopo una battaglia durata quasi tutta la gara contro la Kawasaki di Nicola Morrentino. I due hanno messo in fila Massimo Roccoli, che ha chiuso 3° con la sua MV Agusta. Una gara che purtroppo ha perso il poleman Andrea Boscoscuro per una caduta avvenuta nei primi giri.

Trionfo di Celestino Vietti Ramus in Premoto3 250 4t. Il pilota RMU vinceva davanti al compagno di squadra Nicholas Spinelli, segnando anche il giro record di 1’ 49.773 nelle battute finali. Terzo posto per il Campione in carica Stefano Nepa e 4° Kevin Zannoni. Un podio tarato RMU nella Premoto3 125 2T con Alex Triglia sul primo gradino del podio davanti a Luca Bernardi e Nicola Carraro, al debutto nella categoria.

Nel corso della giornata di sabato sono stati presentati i due progetti dedicati al supporto dei giovani piloti, da un lato, appunto, il San Carlo Talenti Azzurri, con il quale l’azienda e la FMI aiutano i giovani piloti in Moto3 e Premoto3 e dall’altro il #madeinCIV, grazie al quale la Federazione supporta i piloti cresciuti nel CIV. Proprio nell’ottica di talenti formati dal CIV, è stato premiato in griglia di partenza il campione in carica dell’EuropeoSTK600 e attuale compagno di squadra di Sofuolgu nel Mondiale SS Marco Faccani.
L’appuntamento per i prossimi due round del CIV 2015 è fissato per il 16-17 maggio a Vallelunga.



Articoli correlati