Alex Barros con BMW torna alla vittoria a 47 anni


dalla Redazione martedì, 13 dicembre 2016
Ormai team manager per BMW nel campionato SBK brasiliano, l'asso di San Paolo è sceso in pista nell'ultima gara della stagione, cogliendo un secondo e un primo posto: la classe non è mai acqua



Dei piloti "veterani" si è ormai perso il conto, dal Max Biaggi mondiale in SBK a 41 anni al compianto Fabrizio Pirovano che nelle sue comparsate con i capelli bianchi doveva ancora chiudere il gas per non umiliare ragazzini che avrebbero potuto essere suoi figli, fino alla sensazionale longevità di Rossi in MotoGP.

Così non stupisce più di tanto, anche se dovrebbe forse far riflettere, il risultato di Alex Barros nell'ultima gara della BRSBK, il campionato Superbike brasiliano, dove l'ex pilota e ora caposquadra del BMW Motorrad Alex Barros Racing Team ha deciso di togliersi la polvere dalla tuta e correre come invitato d'eccezione nella gara per lui di casa, a San Paolo.

Il veterano del Motomondiale (20 stagioni e 276 GP corsi), uno che ha iniziato la carriera ai tempi della Cagiva 500, è stato compagno di squadra di Kevin Schwantz nell'anno dell'ultimo titolo per la Suzuki e nel 2002 si è tolto la soddisfazione di vincere il "mondialino della pizza" contro un certo Valentino Rossi, ha fatto vedere di avere ancora manetta da vendere a 47 anni. Con lo stile e la grinta degli anni migliori, si è mostrato subito velocissimo cogliendo una seconda piazza in Gara 1 seguita da una strepitosa vittoria in Gara 2, con tanto di giro veloce. Vecchio a chi?